• 23 Luglio 2024 05:33

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Amphex 2012, esercitazione aeronavale per 4 mila uomini

DiAlessandro Cerri

Mag 23, 2012

La Marina Militare sperimenta azioni antipirateria ed evacuazione di civili

 

È in corso, nel Tirrenio centrale, l’esercitazione aeronavale e anfibia Amphex 2012. Per quella che è considerata una delle più importanti attività di addestramento la Squadra Navale italiana ha schierato la portaerei Garibaldi, 3 cacciatorpediniere con capacità antiaerea, 2 navi da sbarco anfibio con a bordo 12 elicotteri, 3 fregate, 2 sommergibili, 2 cacciamine, 3 pattugliatori e altri assetti navali minori (per un totale di 4000 tra ufficiali, sottufficiali e truppa).

“Ogni singola capacità – spiega la Marina Militare – è utilizzabile nel contrasto alla pirateria, nell’evacuazione di personale civile dalle zone di crisi, nella distribuzione di aiuti umanitari alle popolazioni bisognose e nel controllo dei flussi migratori”.

Per Amphex 2012 la Squadra Navale comandata dall’Ammiraglio di Squadra Giuseppe De Giorgi, divisa in due parti contrapposte ha simulato situazioni del tutto simili ai già sperimentati teatri operativi in cui la Marina Militare normalmente è chiamata ad operare.

Durante l’esercitazione, inoltre, vengono sperimentati tutti i fattori che nella realtà incidono sulle operazioni militari: le regole di ingaggio, le implicazioni di politica estera, grazie anche al contributo del Ministero degli Affari Esteri che ha inviato due political advisor.

Lo scopo dell’esercitazione è quello di addestrare lo strumento aeronavale a gestire una situazione di crisi in un paese straniero, preparandosi a proiettare le proprie truppe da sbarco sul terreno, sia per difendere i connazionali ed eventualmente evacuarli dalla zona di crisi, che per creare una cornice di sicurezza all’ingresso di aiuti umanitari.

Di Alessandro Cerri

Classe 1963, nato a Foggia, giornalista esperto in attività marittime e portuali, ha diversi titoli di laurea come; Scienze dell'Amministrazione, Conservazione dei Beni Culturali "Archeologia Subacquea", Magistrale in Lettere moderne e Magistrale in Giurisprudenza.