GRANDE SUCCESSO DELLA XV CONVENTION NAZIONALE PROPELLER A TARANTO

    Il Ministro del Rio: la Riforma Avanza e sta dando risultati                                                                                                                                               Masucci: è il momento di fare squadra e il Propeller è in prima linea
La riforma dei porti, varata oltre un anno fa, avanza e sta dando risultati. Lo ha sostenuto il ministro delle Infrastrutture e trasporti, Graziano Delrio, parlando a Taranto alla XV Convention nazionale del The International Propeller Club guidati da Umberto Masucci. «Abbiamo implementato una semplificazione delle governance, riducendo la burocrazia e ragionando in una logica di integrazione e cooperazione. Adesso siamo i primi nel mondo nello sdoganamento, c’è un investimento pesante nella digitalizzazione, ma – aggiunge il ministro – c’è ancora tanta strada da fare».
Il Presidente del The International Propeller Clubs Umberto Masucci, ringraziando il Ministro ha dichiarato “la giornata di oggi dimostra che fare squadra paga, lo hanno fatto i Propeller delle Puglie e le due ASDP pugliesi con i Presidenti Patroni Griffi e Prete. Dobbiamo partire dai dati macro dell’Economia del Mare e  da tutte le eccellenze, Fincantieri in questi giorni agli onori della cronaca, la cantieristica dei grandi yacht, il settore dei Ro-Ro, quello delle Crociere ed altri successi italiani. I porti che hanno in passato sofferto hanno finalmente una riforma grazie al Ministro del Rio e gli operatori devono reagire positivamente a questa riforma , fare  investimenti che favoriscano la crescita del cluster ed il Propeller come sempre è in prima linea”
“E’ stato un evento estremamente importante per il nostro mondo ha dichiarato Riccardo Fuochi, Vice Presidente Nazionale del Propeller e Presidente del Propeller MIlano che ha parlato del Grande progetto Obor (One Belt One Road) con un intervento dal titolo “Belt and Road: from vision to action”. La direzione intrapresa dopo la riforma e le attitudini dei nuovi presidenti potranno portare solo benefici a tutto il comparto dello shipping e della logistica: in quest’ottica va la missione che come Propeller stiamo organizzando assieme a Italia-Hong Kong all’Asian Logistics & Maritime Conference dei prossimi 20-24 novembre ed alle manifestazioni collegate.Il viaggio alla scoperta delle molteplici opportunità di Hong Kong per lo shipping e la logistica nazionale, è organizzato con il supporto dell’HKTDC di Milano (Honk Kong Trade Development Council, con il Suo direttore Gianluca Mirante) ed Invest Honk Kong con il Dr. Stefano De Paoli)”.
Sergio Prete, presidente dell’Autorità portuale di sistema del Mar Ionio, ha confermato l’interesse crescente intorno al porto di Taranto “Stiamo gestendo contatti importanti – e vogliamo scegliere gli utilizzatori migliori. Non penso che procederemo ad un’altra gara pubblica, potremmo optare per una procedura negoziata. Non vogliamo ripetere gli errori del passato, immaginiamo un utilizzo multiplo del molo polisettoriale con operatori di diversi settori e con una parte della banchina che resterà pubblica. Finora il terminal era chiuso per i lavori, ma ora che è di nuovo operativo, alcune realtà stanno già lavorando. Sono a disposizione 1500 metri lineari di banchina e 1 milione di metri quadri di piazzale”.».
Il Presidente dell’Autorità di sistema portuale dell’Adriatico Ugo Patroni Griffi si è invece soffermato sull’importanza delle Zone Economiche speciali “Le Zes sono un’opportunità di sviluppo e il Governo ha
voluto promuoverle per questo – ha spiegato – ma non si può pensare di moltiplicarle, creando dieci Zes in ogni regione. Devono essere collegate ad infrastrutture come i porti, ad esempio”.
Secondo Zeno d’Agostino, Presidente Assoporti “l’evento è stato un grande momento di condivisione delle diverse visioni e strategie future della portualità nazionale. Come al solito la convention del Propeller si rivela fertile di proposte, riflessioni ed indicazioni per i vertici pubblici e privati del settore. Servirebbero molti altri eventi come questo
Alla Convention è intervenuto anche Simone Carlini, Presidente del Gruppo Giovani Federagenti: Come gruppo giovani in rappresentanza di Federagenti siamo lieti di essere qui insieme agli International Propeller club d’Italia per mostrare e dimostrare una volta di più la vicinanza e l’affiatamento che esistono tra le associazioni del cluster marittimo. Allo stesso modo siamo felici di essere qui a Taranto, città per tanti forse troppi anni considerata la periferia industriale d’Italia così come il suo porto che per tanto tempo è stato quasi mono-cliente. Ma è in occasioni come questa che vediamo la voglia della città e del suo porto di aprirsi al mondo, di farsi conoscere per qualcosa di diverso e di più grande, di fare impresa, di creare nuove realtà (come la nuova esperienza della città e del porto con le navi da crociera), mirate a costruire una via di miglioramento generale e non solo per questa minoranza o per quell’altra. Buon lavoro e buona fortuna alla città di Taranto e ai suoi abitanti così come al suo porto e ai suoi operatori.
 

CONSIGLIO DIRETTIVO DEL THE INTERNATIONAL PROPELLER CLUBS
2017- 2020

Eletto a Taranto, presso la Camera di Commercio Venerdì 29 Settembre 2017– alle ore 15,00
Avv. Umberto MASUCCI (Pres. Propeller Club Port of Naples), Riconfermato all’unanimità e con applauso ,Presidente The International Propeller Clubs, Riconfermati i seguenti Vice  Presidenti: Avv. Prof. Giorga BOI ,     Presidente Propeller Genoa Dr. Riccardo FUOCHI,      Presidente Propeller Club Port of Milan Avv. Simone BASSI,           Presidente Propeller Club Port of Ravenna Cap. Fabrizio ZERBINI,   Presidente Propeller Club Port of Trieste Riconfermati nelle cariche di: Segretario Generale: Marina Tevini , Segretario Propeller Club Port of Genoa Tesoriere: Rag. Pino COCCIA, Segretario Propeller Club Port of Naples Rappresentante Area Adriatica/Ionio: Riconfermato Com.te Michele CONTE, Presidente Propeller Club Port of Taranto Rappresentante Tirreno: Riconfermato Com.te Fiorenzo MILANI, Past Presidente Propeller Club Port of Leghorn Ri -co optato il Presidente del Propeller Club Port of Brindisi, Ing. Donato CAIULO, quale referente per i rapporti con il Ministero delle Infrastrutture (MIT).
Fanno inoltre parte del Consiglio Direttivo Nazionale:
Davide DEGENNARO              Presidente Propeller Club Port of BARI Alessandro RICCI                      Presidente Propeller Club Port of BOLOGNA Giannandrea PALOMBA        Presidente Propeller Club Port of CIVITAVECCHIA ROME Piero CASTELLITI                   Presidente Propeller Club Port of CROTONE Gian Enzo DUCI                         Vice Presidente Propeller Club Port of GENOA Bruno DIONISI                          Tesoriere Propeller Club Port of GENOA Giulia ALBERGO                        Presidente Propeller Club Port of EOLIE Seli MOHORIC PERSOLJA   Presidente Propeller Club Port of KOPER Giorgio BUCCHIONI                Presidente Propeller Club Port of LA SPEZIA Maria Gloria GIANI                  Presidente Propeller Club Port of LEGHORN Lino CAPOZZI                             Consigliere P.R. Propeller Club Port of LEGHORN Claudio LUPI                               Presidente Propeller Club Port of MANTUA Luca CASTIGLIEGO                 Vice Presidente Propeller Club Port of MILAN Demetrio CACCAMO                Presidente Propeller Club Port of MONFALCONE Massimo BLANDI                      Presidente Propeller Club Port of PALERMO Renzo GIARDINI                       Past President Propeller Club Port of RAVENNA Corrado MICCOLI                    Segretario Propeller Club Port of RAVENNA Alfonso MIGNONE                   Presidente Propeller Club Port of SALERNO Olga GRAVANO                         Presidente Propeller Club Port of SAVONA Alberto PASINO Vice              Presidente Propeller Club Port of TRIESTE Marco PORCARI Vice             Presidente Propeller Club Port of TURIN Massimo BERNARDO            Presidente Propeller Club Port of VENICE Viene ratificato il nuovo Club di Ancona Mariano MARESCA                 Presidente Onorario

MSC CROCIERE SUPERA NEL 2018 I 3 MILIONI DI PASSEGGERI MOVIMENTATI NEI PORTI ITALIANI

L’arrivo di MSC Seaview sarà l’evento più importante dell’anno. In 12 mesi record di quasi 700 toccate in 14 porti italiani.
Palermo, 6 ottobre 2017 – MSC Crociere, la più grande compagnia crocieristica a capitale privato e leader di mercato in Europa, Sud America, annuncia che nel 2018 nei porti italiani prevede di superare i 3 milioni di passeggeri movimentati grazie a quasi 700 scali delle navi della Compagnia, con una crescita del 4,5% rispetto all’anno in corso.
“Per la prima volta in Italia sorpasseremo la soglia dei 3 milioni di passeggeri movimentati in un anno. Questa crescita è la naturale conseguenza dell’imponente piano industriale avviato dalla Compagnia nel 2015 e che nei prossimi mesi si appresta ad entrare nel pieno sviluppo grazie all’arrivo di 2 delle 11 nuove navi in costruzione entro il 2026. Entrambe le navi sono in costruzione in Italia, nei cantieri di Monfalcone, frutto di una lunga partnership che MSC Crociere ha con Fincantieri che ha riguardato anche il programma ‘Renaissance’ realizzato proprio qui a Palermo sulle 4 navi di generazione Lirica”ha sottolineato Leonardo Massa, Country Manager di MSC Crociere, intervenendo all’Italian Cruise Day in corso oggi a Palermo. “A beneficiare di questa crescita saranno nel 2018 la maggior parte dei 14 porti in cui arriveranno le navi della flotta MSC Crociere, in particolare Genova che sfiorerà il milione di passeggeri MSC, Civitavecchia dove raggiungeremo il mezzo milione di passeggeri e Palermo, città dove siamo oggi, in cui i nostri crocieristi passeranno da 205.000 a ben 265.000”.
La grande novità del 2018 sarà l’arrivo di MSC Seaview, futuristica nave in costruzione a Monfalcone, che a partire dal prossimo giugno opererà nel Mediterraneo dopo la cerimonia del battesimo a Civitavecchia. MSC Seaview è la seconda nave di generazione Seaside, basata su un prototipo caratterizzato da un design fortemente innovativo e progettato per portare i viaggiatori ancora più vicini al mare, generando un’esperienza di crociera indimenticabile incentrata sempre più sugli elementi del sole e del mare.
Grazie alla grande promenade esterna collocata sui ponti più bassi della nave, MSC Seaview offrirà l’opportunità di godersi in un modo completamente nuovo le meraviglie del Mare Nostrum su una nave da crociera. L’itinerario, che permetterà ai viaggiatori di partire da uno dei 3 porti italiani toccati dalla nave, prevede tappe a Genova, Napoli, Messina, Valletta, Barcellona e Marsiglia.
“Le vendite delle crociere di MSC Seaview sono già aperte da tempo e i viaggiatori non hanno atteso a prenotare per vivere l’esperienza di una incredibile crociera a bordo di questa nave completamente innovativa rispetto a qualsiasi altra nave che opera già sul mercato” ha sottolineato Massa. “Siamo estremamente soddisfatti dell’andamento delle prenotazioni e siamo convinti che con MSC Seaview i viaggiatori vivranno una vacanza unica e indimenticabile”.
MSC Crociere è già da alcuni anni il brand crocieristico leader di mercato nel Mediterraneo e in Europa e il posizionamento di MSC Seaview rafforzerà ulteriormente la leadership, portando una delle navi da crociera più innovative in un’area da sempre strategica per la Compagnia.
Il piano industriale di MSC Crociere è entrato nel vivo con il battesimo di MSC Meraviglia, celebrato lo scorso giugno. L’investimento complessivo è pari a 9 miliardi di euro e prevede la costruzione di 11 nuove navi che entro il 2026 andranno via via ad aggiungersi alle 12 moderne unità già esistenti. Il piano si concluderà nel 2016, ma già entro il 2020 è prevista la consegna delle prime sei nuove navi. Grazie alla disponibilità di più navi in flotta, MSC Crociere è in grado di rafforzare ulteriormente la propria offerta di crociere in tutti i principali mercati crocieristici del mondo, compresi i Caraibi, il Nord Europa e l’Asia

12 | 13 | 14 ottobre 2017- Capodimonte: Convegno internazionale sul Mediterraneo – Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale

Napoli, con i suoi duemilacinquecento anni di storia, è uno dei centri culturali più antichi del mondo e uno dei porti più grandi e importanti d’Europa. Affacciata sul Mediterraneo, la città è un nodo di interscambio culturale e commerciale, che si estende ben oltre questo confine. La storia della civiltà napoletana è una storia di incontri e scambi, di contaminazioni e convergenze inattese. In particolare, la storia dell’arte napoletana è un racconto dinamico fatto di persone, di opere, di tecniche e materiali, di tradizioni e di idee. Napoli ci sfida dunque a immaginare una nuova storia dell’arte che attraversi i confini geografici, cronologici e culturali. Con questa prospettiva, il Museo e Real Bosco di Capodimonte e l’Istituto di Storia dell’Arte Edith O’Donnell di Dallas stanno lavorando alla costituzione del Centro di Ricerca per la Storia dell’Arte e la Cultura delle Città Portuali, dedicato allo studio delle opere d’arte, dei siti monumentali e del patrimonio naturalistico napoletani indagati attraverso pratiche storiografiche innovative e multidisciplinari. Per inaugurare questa collaborazione, Capodimonte e l’Edith O’Donnell Institute promuovono un convegno internazionale in collaborazione con l’Università Sorbonne di Parigi, il Porto di Napoli e l’Associazione Amici di Capodimonte. Il convegno, della durata di tre giorni e dislocato tra museo e bosco, è incentrato sulla Reggia, sulle collezioni d’arte e sul Parco e sui loro rapporti con il resto del mondo. Relatori internazionali, selezionati dai due istituti promotori, presenteranno le loro riflessioni sulla storia culturale di Napoli come città portuale dal Duecento ai giorni nostri.

CONFITARMA: MARIO MATTIOLI NUOVO PRESIDENTE

ROMA 11 Settembre 2017- Mario Mattioli è il nuovo Presidente della Confederazione Italiana Armatori: è stato eletto all’unanimità dall’Assemblea riunitasi oggi a Roma in sessione privata.
Emanuele Grimaldi, ha tracciato un bilancio degli ultimi cinque anni evidenziando i risultati ottenuti nel corso della sua presidenza in tutti i comparti di attività nei quali la Confederazione è intervenuta.
In questo contesto il Presidente Grimaldi ha ribadito la validità di uno strumento di competitività e di sviluppo quale è il Registro internazionale ricordando anche le recenti modifiche introdotte – ma ancora al vaglio delle istituzioni comunitarie – per restringere i benefici di questo istituto.
Sottolineando l’importante ruolo di Confitarma, non solo nei confronti degli interlocutori istituzionali, “ma ancor più nei confronti degli organismi internazionali che riconoscono Confitarma come l’unica rappresentanza di categoria degli interessi marittimi nazionali“, Emanuele Grimaldi ha riaffermato l’opportunità di essere presenti nei consessi internazionali ove vengono elaborate le strategie mondiali su tutte le principali tematiche marittime che incidono sull’operatività quotidiana delle aziende di navigazione: misure ambientali, legali, del lavoro marittimo, best practice, sviluppo del trasporto marittimo sostenibile, safety e security. Senza dimenticare che l’evoluzione tecnologica apre nuovi scenari nel futuro della navigazione marittima.
Mario Mattioli, ha ringraziato Emanuele Grimaldi “per il lavoro che ha svolto con la sua squadra – di cui ho avuto l’onore di far parte – accettando tra l’altro di prolungare il suo mandato in vista di un adeguamento del nostro Statuto alle richieste di Confindustria” ed ha illustrato il programma di lavoro dei prossimi mesi in linea con le esigenze e le indicazioni espresse dalle imprese associate durante le consultazioni della Commissione di Designazione, improntate alla logica della continuità”.
In particolare, Mattioli ha sottolineato che Confitarma porterà avanti la sua azione anche nell’ambito dei rapporti con Confindustria e con la Federazione del Mare “che da anni è l’unico organismo in grado di dare voce al cluster marittimo nel suo insieme con un’azione costante, forse silenziosa ma di sicuro valore: Federazione che potrà rivedere la sua organizzazione in funzione di nuove esigenze manifestate dalle associazioni ad essa aderenti.
“Cercherò con tutte le mie forze di continuare sulla stessa strada che ha portato vantaggi all’armamento italiano, -ha concluso il Presidente Mattioli – consapevole del fatto che essere presidente di Confitarma significa assumere la responsabilità di rappresentare una categoria importante del nostro Paese, caratterizzata da peculiarità che ci rendono completamente diversi dalle altre categorie imprenditoriali soprattutto per il suo carattere internazionale. Io oggi, davanti a voi mi assumo questa responsabilità per metterla al servizio di tutti noi”.

Gruppo Giovani Armatori
GIACOMO GAVARONE E’ IL NUOVO PRESIDENTE

ROMA- L’11 ottobre, l’Assemblea del Gruppo Giovani Armatori di Confitarma ha eletto all’unanimità nuovo Presidente, Giacomo Gavarone, per il triennio 2017-2020.
E’ stato inoltre rinnovato il Consiglio, che risulta quindi così composto:
 
Presidente
Giacomo Gavarone Vice Presidenti
Marialaura Dell’Abate Vittorio Morace Consiglieri
Michol Donativi Aldo Negri Valeria Novella Giulia Palazzeschi Andrea Poliseno Andrea Risso Giovanni Ivan Romeo Past President
Andrea Garolla di Bard    
Andrea Garolla di Bard, nel passare il testimone a Giacomo Gavarone ha ripercorso brevemente i momenti più importanti del suo mandato durante il quale Gruppo Giovani Armatori ha raggiunto l’importante traguardo del 20° anniversario, celebrato nel 2015.
“Nel corso della mia presidenza – ha ricordato Garolla di Bard – abbiamo proseguito sulla strada avviata dai miei predecessori, con missioni conoscitive e incontri istituzionali all’estero e in Italia, visite terminal LNG, cantieri navali, produttori di motori, ed anche organizzando convegni su temi di attualità per il mondo dello shipping con l’intervento di autorevoli esperti”.
“Ormai il Gruppo è più che maggiorenne ed ha un ricco bagaglio di esperienze da mettere a frutto per proseguire nel nostro impegno istituzionale all’interno della vita associativa di Confitarma”.
Giacomo Gavarone, che nel corso della presidenza di Andrea Garolla di Bard ha ricoperto la carica di vice-presidente del Gruppo, ha affermato di aver condiviso le iniziative portate avanti da Andrea Garolla di Bard ricordando in particolare quelle volte ad accrescere la cooperazione con le realtà giovanili nazionali e internazionali al fine di approfondire insieme a loro tematiche di comune interesse.
Proseguiremo nei prossimi tre anni il lavoro avviato – ha detto Giacomo Gavarone – puntando al ricambio generazionale al nostro interno e guardando alle sfide future del mondo marittimo. Sfide che si chiamano digitalizzazione, formazione e salvaguardia dell’ambiente”.

MUSICA DI QUALITA’ AL PORTO ALL’AEROPORTO PER OFFRIRE UN BENVENUTO A TUTTI I PASSEGGERI E TURISTI IN ARRIVO A NAPOLI

 INAUGURATA OGGI AL MOLO BEVERELLO LA 2° EDIZIONE DEL WELCOME MUSIC FEST RASSEGNA MUSICALE  REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON  AD EST DELL’EQUATORE MUSICA
Musica di qualità al porto e all’aeroporto per offrire un insolito e piacevole benvenuto a tutti i passeggeri e turisti in arrivo a Napoli nel mese di ottobre, mese che conferma importanti flussi turistici in arrivo. Al via da oggi, 13 ottobre,  la seconda edizione del “ Welcome Music Fest ideato da Gesac – società di gestione dell’aeroporto di Napoli – lo scorso anno insieme all’etichetta indipendente ad est equatore musica che per questa edizione, vede l’importante partnership con l’ ADSP – Autorità di Sistema  Portuale del Mar Tirreno Centrale coinvolgendo anche il  porto di Napoli – dando vita ad una vera e propria rassegna musicale di qualità per ben due week end consecutivi di ottobre, coinvolgendo per la prima volta in piena sinergia le due porte principali di accesso alla città.
Si parte questo week end (13 e 14 ottobre) dal molo beverello e si prosegue il week end successivo  (il 19 e 20 ottobre) per offrire ai  tanti turisti in arrivo a Napoli, un vero e proprio Welcome musicale in città, da parte di un comitato di accoglienza sui generis composto da ben quattro giovani band di musicisti napoletani emergenti selezionate dall’etichetta indipendente partenopea ad est dell’equatore musica organizzatori dell’evento.
I Super mega funkin machine e gli Araputo Zen (porto – molo beverello), I Fitness Forever e gli Slilovitz (aeroporto) sono le giovani band musicali partenopee, conosciute da un pubblico di intenditori ed addetti ai lavori, che intratterranno il pubblico in transito e i turisti con musica di vario genere dal funk allo jazz rock e manouche creando una magica atmosfera di festa e di benvenuto per chi arriva a Napoli ad ottobre.
Il Welcome Music Fest  lo scorso anno, nella sua prima edizione, ha riscontrato in aeroporto un notevole successo di pubblico soprattutto internazionale, che può essere sintetizzato e testimoniato da un bel complimento inviato al gestore aeroportuale da una turista australiana che si congratulava per la splendida e particolare accoglienza musicale ricevuta che aveva contribuito a migliorare la sua percezione di Napoli già al suo arrivo in città.
Per questa edizione 2017, che coinvolge anche il porto, la rassegna musicale intende dare un piccolo segnale proprio nell’ottica del “fare sinergia” tra le tre porte principali della città, proprio per quanto riguarda l’accoglienza in città di turisti e passeggeri in arrivo a Napoli, e lo fa in maniera originale scegliendo musica giovane e di qualità.
—————————————————————————————————————-
*L’Etichetta discografica ad est dell’equatore musica: La sezione musica della casa editrice napoletana “ Ad est dell’equatore” attiva dal 2009, nasce dalla volontà e dall’esigenza di sostenere musicisti emergenti e non, fornendo supporto ed assistenza per creare e diffondere progetti musicali di valore, anche al di fuori ad est dell’equatore musica dei circuiti canonici del mainstrem. Ad est dell’equatore musica ha all’attivo numerose collaborazioni che vanno dalla produzione di progetti musicali fino alla consulenza con numerosi artisti di vari generi tra i quali: La terza classe con l’album Folkshake, i rapper Tonico 70 e Morfuko con l’album Gold School, Funky Pushertz, Gnut .
 
Il principio cardine dell’attività è quello di aiutare e guidare i musicisti attraverso le difficoltà pratiche che non attengono prettamente alla musica in senso stretto ma che ,troppo spesso fanno sì che artisti di grande valore espressivo rimangano sospesi in un limbo non avendo le cognizioni o i fondi necessari per sviluppare i loro progetti. Il nostro obiettivo è quello di contribuire alla diffusione di musica di qualità a prescindere dalle
mode del momento perseguendo l’idea che la bella musica è senza tempo.
 

COSTRA CROCIERE, PRIMA COMPAGNIA CROCIERISTICA “SMART” IN ITALIA

La compagnia italiana ha avviato il programma “Sm@rt Working Costa – Moving Forward!”, che si rivolge a tutti i 1.300 dipendenti dei suoi uffici in tutto il mondo. In Italia, nella sede centrale di Genova, sono quasi 1.000 le persone che entro fine anno potranno lavorare da remoto per un giorno a settimana.
Il progetto è stato premiato dall’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano per la capacità di innovare le modalità di lavoro.
Genova, 12 ottobre 2017Costa Crociere è la prima compagnia di navigazione in Italia a diventare “smart”. Il programma “Sm@rt Working Costa – Moving Forward!” si rivolge a tutti i dipendenti in Italia e all’estero, per un totale di circa 1.300 persone.
Grazie a questa nuova opportunità, i dipendenti degli uffici Costa possono scegliere un giorno alla settimana per lavorare da casa o in un altro luogo idoneo a loro scelta, grazie all’utilizzo di laptop, connessione internet e un programma di softphone, che permette di avere a disposizione anche da remoto i servizi di instant messaging, telefono, video HD, conferenza, voicemail con interfaccia visiva e condivisione desktop.
Il programma è già partito nella sede centrale di Genova della compagnia, dove operano quasi 1.000 dipendenti, a seguito di una fase “pilota” di sperimentazione che ha coinvolto due dipartimenti (Human Resources e IT) registrando un’adesione di circa il 90%. Entro la fine dell’anno lo “smart working” verrà progressivamente esteso anche a tutte le altre sedi estere della compagnia in Europa e in America.
Il progetto “Sm@rt Working Costa – Moving Forward!” di Costa Crociere è stata premiato in occasione degli Smart Working Award 2017 dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano, grazie alla sua capacità di innovare le modalità di lavoro in ottica di “smart working”.
“Siamo orgogliosi di essere la prima compagnia del settore crocieristico a credere nello smart working e di essere tra le cinque aziende premiate dall’Osservatorio del Politecnico di Milano in Italia. Un progetto che per noi significa dare fiducia alle persone, offrendo loro la possibilità di organizzarsi liberamente secondo obiettivi e responsabilità, permettendo di valorizzare al meglio il loro potenziale e migliorando la qualità della loro vita” – ha dichiarato Paolo Tolle, VP Human Resources di Costa Crociere.
Tra i benefici immediati c’è quello relativo alla riduzione del tempo impiegato negli spostamenti, più di un’ora al giorno in media per i dipendenti Costa, oltre alla maggiore sostenibilità del lavoro dal punto di vista ambientale.
Secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano al momento i lavoratori agili in Italia sono circa 305.000, pari all’8% del totale¹, con un aumento del 14% rispetto al 2016 e del 60% rispetto al 2013. L’adozione di un modello “maturo” di Smart Working per le imprese può produrre un incremento di produttività pari a circa il 15% per lavoratore, che a livello di sistema Paese significano 13,7 miliardi di euro di benefici complessivi. Per i lavoratori, anche una sola giornata a settimana di remote working può far risparmiare in media 40 ore all’anno di spostamenti; per l’ambiente, invece, determina una riduzione di emissioni pari a 135 kg di CO2 all’anno.
1. Considerando un campione di impiegati, quadri e dirigenti che lavorano in aziende pubbliche o private con più di 10 dipendenti.
 
 

1.3 MILIONI DI EURO DALL’UE PER LA CYBER SECURITY E LA SICUREZZA PORTUALE

Grazie al progetto europeo SECNET saranno rafforzate le competenza dei porti in materia di security anche tramite allo sviluppo di innovativi sistemi informatici e di videosorveglianza
Venezia-Trieste 12 ottobre 2017 – Si è tenuto oggi a Trieste l’incontro di lancio del progetto europeo SECNET che ha visto vincitori i porti dell’Alto Adriatico di Venezia, Trieste (capofila) e Capodistria con l’obiettivo migliorare la cooperazione transfrontaliera nel settore della sicurezza portuale, un tema particolarmente rilevante visto il forte impatto sulla protezione degli scali (legata alla forte instabilità geopolitica e i rischi di attentati terroristici) e sulla competitività dei tre porti.
Il progetto SECNET ha infatti stanziato un co-finanziamento al 100% pari a 1.3 milioni di euro (di cui 250mila per il solo Porto di Venezia) con l’obiettivo di rafforzare la capacità istituzionale e la governance transfrontaliera nella security portuale.
Spesso infatti le misure aggiuntive e non coordinate di security spesso si traducono in una più lenta movimentazione della merce e quindi in una minore attrattività dei porti, a discapito dello sviluppo economico dei territori. SECNET accrescerà le competenza dei porti in questo specifico settore con l’ausilio di innovativi sistemi informatici e fornendo competenze tecniche e specialistiche comuni a livello transfrontaliero.
Spetterà ai tre porti partner del progetto sperimentazione un piano d’azione congiunto che mira a potenziare  la difesa delle reti informatiche (cyber security) e la difesa delle aree portuali dall’accesso di soggetti non autorizzati. Nel concreto il progetto prevede un check-up completo delle architetture di rete per valutare i possibili rischi, l’adeguamento informatico dei sistemi di controllo per l’accesso in porto ma anche l’acquisto di sistemi di videosorveglianza all’avanguardia.
Recentemente abbiamo accolto a Venezia l’ispezione della Commissione Europea (dipartimento security), l’esito è stato più che positivo tanto che i membri del gruppo ispettivo proporranno a Bruxelles che alcune procedure già in uso nei terminal del porto di Venezia vengano adottate come buone pratiche anche da altri scali europei. Da questa esperienza abbiamo imparato molto e metteremo la nostra expertise a disposizione prima degli altri porti adriatici e poi di quelli europei. Il progetto SECNET, inoltre, ci darà l’opportunità di implementare nuove tecnologie per essere all’avanguardia anche nell’affrontare possibili  cyber attacchi. Assieme agli altri porti, sulla scorta dei risultati del progetto SECNET e nel ritrovato spirito dell’Associazione NAPA, sigleremo un protocollo congiunto per l’attuazione della strategia transfrontaliera per la security portuale. Potremo così armonizzare le politiche in questo settore in tutto l’Alto Adriatico, limitare al massimo le lungaggini burocratiche e garantire – al contempo – la massima sicurezza dei nostri porti”, ha dichiarato il Presidente del Porto di Venezia Pino Musolino.

ROYAL CARIBBEAN SVELA TUTTI I NUOVI PLUS DELLA PIÙ GRANDE NAVE DA CROCIERA AL MONDO, LA SYMPHONY OF THE SEAS

       La compagnia di navigazione annuncia la più esclusiva sinfonia di intrattenimenti
e di attività a bordo creati per le famiglie e gli avventurosi di tutte le età
dell’ultima nata in casa Royal Caribbean che debutterà nel 2018
12 ottobre 2017 – Royal Caribbean International ha creato una nuova esperienza di vacanza che ridefinirà il concetto di viaggio in famiglia e d’avventura nel 2018.
Symphony of the Seas, l’ultima nata nella flotta della compagnia, completa le pluripremiate e apprezzate caratteristiche che si trovano soltanto a bordo di Royal Caribbean con esperienze diverse e completamente nuove, che consentiranno agli ospiti di tutte le età di provare avventure mai vissute prima.
Un nuovo approccio alla ristorazione e alle attività per la famiglia tra cui maestose passerelle sopraelevate, giochi d’acqua e ghiaccio e le suite più dinamiche e di ultima generazione, ideali per le famiglie, si affiancano alle esclusive attrattive Royal Caribbean. Come il Bionic Bar, l’unico bar a bordo di una nave da crociera gestito da barman-robot, firmato da Makr Shakr, l’iconico AquaTheater, dedicato alle acrobazie dalle grandi altezze, l’Ultimate Abyss, lo scivolo più alto che esista su una nave da crociera – per un crescendo emozionante di esperienze diverse, tutte da vivere in un contesto unico con ben 7 quartieri della Classe Oasis.
Symphony of the Seas debutterà in aprile 2018 e per la sua stagione inaugurale in Europa, questa meraviglia architettonica disporrà di più cabine con balcone vista mare, oltre agli ormai mitici quartieri di Boardwalk e Central Park, rispetto alla già famosa nave sorella Harmony of the Seas. Ma non è tutto perché questa nave offre tantissime attrattive in più.
Siamo entusiasti di presentare Symphony of the Seas, la nostra “composizione” più audace che, offrendo il meglio di Royal Caribbean ma con alcune nuove sorprese, garantirà una vacanza ideale agli avventurosi di tutte le età”, ha dichiarato Michael Bayley, Presidente e CEO di Royal Caribbean International.Abbiamo deciso di puntare a un nuovo livello di tipologia di vacanza-avventura, con le più moderne ed emozionanti attrattive per le famiglie di ogni tipo e dimensione. Symphony garantirà l’esperienza di viaggio più all’avanguardia, personalizzabile e digitalmente avanzata di tutta la flotta Royal Caribbean”.
Il nuovo Boardwalk
Symphony of the Seas presenta una nuova versione del famoso quartiere Boardwalk, colmo di nuova energia, esperienze interattive e locali vivaci studiati per un intrattenimento senza età. Playmakers Sports Bar & Arcade sarà invece il posto ideale per gli appassionati di sport: la presenza di ben trenta televisori garantirà agli ospiti la possibilità di poter guardare sempre le partite desiderate e tifare la propria squadra del cuore.
Lungo il Boardwalk, questo avveniristico bar sport, insieme alla galleria, sarà il luogo perfetto per godersi hamburger e birre artigianali e divertirsi con i giochi più amati di sempre, tra cui Ms.PacMan, StarWars e Ice Skye-Ball e tanti altri giochi popolari. Proprio adiacente alla giostra scolpita a mano, il negozio Sugar Beach Candy & Ice-Cream riempirà di dolcezza adulti e bambini, facendo venire l’acquolina in bocca a tutti con pareti di caramelle colorate e buonissimi gelati con topping golosi. Qui le famiglie potranno, nel periodo di alta stagione, anche cimentarsi in ricette fai-da-te per aspiranti panettieri e pasticceri.
Altre attese novità arricchiranno l’offerta di Boardwalk, aumentandone di sicuro la fama. Come The Ultimate Abyss – lo scivolo più alto mai realizzato a bordo di una nave – catapulterà solo i più coraggiosi nel cuore del Boardwalk, per una vera scarica di adrenalina. Da Johnny Rockets si potranno gustare hamburger e frullati con tanto di musica e intrattenimento dei tipici diner americani degli anni ‘50. Il maestoso AquaTheater accenderà invece il suo sfondo oceanico e sfavillante di stelle con spettacoli mozzafiato tra acrobazie aeree, tuffi e giochi d’acqua portati in scena in esclusiva per Symphony of the Seas.
Una suite familiare senza precedenti
Symphony vanterà la cabina privata per famiglie più all’avanguardia del mondo. La Ultimate Family Suite è una camera familiare di prossima generazione, un sogno a due piani che conquisterà tutti, senza distinzione di età, grazie alle sue caratteristiche uniche, tra cui: uno scivolo che dalla camera da letto dei bambini arriva fino al salotto, una parete composta completamente di mattoncini LEGO, un hockey da tavolo.
Una sala con TV 3D theater, macchinetta per fare i popcorn e una biblioteca di videogiochi faranno felice più di un componente della famiglia. E questo è solo l’interno; il balcone che avvolge la suite misura quasi settanta metri quadrati e ospita un tavolo da biliardo, una parete da arrampicata e un’ampia vasca idromassaggio, per un’impareggiabile vista sull’oceano.
La Ultimate Family Suite si estende su 125 metri quadrati, può ospitare una famiglia di otto persone con due camere da letto e utilizza ogni centimetro di spazio per solleticare l’immaginazione dei suoi ospiti e offrire loro il soggiorno più memorabile di sempre. E come se non bastasse, gli ospiti della Ultimate Family Suite avranno a disposizione il proprio Genie, un maggiordomo personale che si prenderà cura di ogni loro esigenza garantendo tutti i servizi e le dotazioni premium della Royal Suite Class.
Questo ultimo tocco in più per le famiglie completa la ampia gamma di suite disponibili sulla nave, dalle Loft Suites, con vista mozzafiato, fino alle spaziose multicamera Owner Suite.
Tutte le nuove creazioni culinarie
Con la Symphony farà il suo debutto un nuovo concetto di ristorazione, che si aggiungerà alle venti linee di cucina dei ristoranti gratuiti per gli ospiti che si possono trovare nei sette diversi quartieri.
Hooked, il primo ristorante in stile New England di Royal Caribbean con specialità frutti di mare, offrirà una deliziosa scelta di pesce fresco, e un banco ristorante per gustare ostriche. Situato nella parte anteriore della nave, nel Solarium, il ristorante, raffinato e nel medesimo tempo casual, sarà il luogo ideale dove consumare il pranzo o la cena con una vista fantastica sul mare aperto.
Da El Loco Fresh Mexican, invece, sarà possibile gustare con tacos preparati espressi, burritos e altre pietanze messicane. Questo ristorante all’aperto ospita più di cento coperti nella Sports Zone.
Le firme della ristorazione più amate da Royal Caribbean – come il Wonderland Imaginative Cuisine, il Jamie’s Italian di Jamie Oliver, il 150 Central Park con il suo menù stagionale americano, il Park Café e il Izumi Hibachi and Sushi – su Symphony presenteranno allestimenti rinnovati e nuovi menù, offrendo per il pranzo degli ospiti la più ampia scelta e varietà di portate.
Ad alto tasso di divertimento
L’intrattenimento senza pari di Royal Caribbean ripropone ancora una volta la sua formula che prevede spettacoli coinvolgenti dove la magia del teatro si estende oltre il palco e arriva fino in mezzo al pubblico. A grande richiesta, il successo “Hairspray” - primo musical di Broadway sul mare per Royal Caribbean – tornerà su Symphony in versione completamente rinnovata e calcherà il palco del Royal Theatre insieme a una nuova produzione originale di Royal Caribbean, “Flight”, una satira storica basata sulle memorabili evoluzioni aeree dei celebri Fratelli Wright. Nell’affascinante anfiteatro AquaTheater, il nuovo show acquatico “HiRo” lascerà tutti a bocca aperta con immersioni e acrobazie ad alta velocità. “Studio B” presenterà un nuovo avventuroso viaggio nel tempo, con lo show di pattinaggio sul ghiaccio ad alta tecnologia “1977″, che porterà gli ospiti fino a Londra, alla vigilia del Queen’s Silver Jubilee, quando vennero rubati i gioielli della corona nella rapina più celebre del secolo scorso.
La tecnologia all’avanguardia e gli effetti speciali trasformeranno lo Studio B nel più grande e avveniristico campo di battaglia, mentre con spade laser fluorescenti famiglie, amici e avversari si daranno battaglia sul destino dell’ultimo pianeta della galassia.
Su Symphony of the Seas i vacanzieri in cerca di una sfida potranno sperimentare una nuova esperienza di Puzzle Break. Qui le squadre combatteranno contro il tempo e si aiuteranno per raggiungere un obiettivo comune: uscire da una stanza “sottomarina” prima che scada il tempo.
Su Symphony debutta il check-in via smartphone
Le ultime innovazioni tecnologiche saranno integrate in Symphony of the Seas, compresa una nuova modalità di check-in che elimina le file: grazie a una combinazione di riconoscimento facciale, codici a barre e tecnologia beacons l’imbarco diventa fluido e veloce.
Gli ospiti potranno effettuare il check-in tramite la nuova app mobile dedicata e caricare comodamente da casa i selfie di sicurezza per creare il loro account di bordo. All’arrivo, gli ospiti passeranno attraverso uno screening di sicurezza e poi potranno dirigersi direttamente nella propria camera, dove troveranno ad attenderli la loro chiave. Oltre al check-in mobile, Symphony avrà a disposizione il completo apparato tecnologico ultra avanzato, tipico del marchio, come VOOM – la linea internet più veloce di sempre sulle navi da crociera – un wayfinding all’avanguardia e balconi virtuali per le cabine interne.
Sette quartieri in perfetta sincronia
Una nave, sette quartieri diversi da esplorare da soli o con tutta la famiglia. Symphony of the Seas è il parco giochi perfetto per ospiti di tutte le età, con sempre nuove sorprese.
Boardwalk – Playmakers Sports Bar & Arcade e Sugar Beach Candy & Ice-Cream offrono una nuova interpretazione di questo spazio all’aperto ispirato alle location balneari del passato. Il Boardwalk, con la sua originale giostra scolpita a mano, offre un classico divertimento familiare con i suoi ristoranti casual, diversi punti vendita e attività per tutte le età. L’AquaTheater, situato a poppa della nave, con un maestoso sfondo oceanico, è uno sfavillante anfiteatro dove gli ospiti rimarranno a bocca aperta di fronte ad acrobazie acquatiche mozzafiato.
Central Park – Con più di 12.000 piante e alberi, questo quartiere all’aperto è un vero e proprio rifugio accogliente, caratterizzato da tranquille passeggiate e angolini dove sedersi per leggere o riposare, negozi al dettaglio e ristoranti specializzati, tra cui Chops Grille, Jamie’s Italian by Jamie Oliver, 150 Central Park e l’enoteca Vintages. Il Park Café, con la sua grande tavolata e gli ulteriori posti a sedere nel bistrot all’aperto che si affaccia sulla piazza centrale, è il luogo ideale dove incontrare gli amici o, semplicemente, starsene tranquilli a osservare il rito dello struscio.
Entertainment Place – Un quartiere contemporaneo di locali notturni, pronti a soddisfare ogni preferenza e stato d’animo e il cui punto di riferimento sono il Casino Royale (il più grande casinò sul mare) e lo Studio B, sede di una grande pista di pattinaggio sul ghiaccio e di un campo da gioco per battaglie a colpi di spade laser fluorescenti. The Attic, con la sua l’atmosfera da comedy club si trasforma poi in una lounge in cui bere e danzare fino a tarda notte, mentre Jazz on 4 presenta spettacoli live di musica jazz e blues con la comodità del servizio ai tavoli.
Pool and Sports Zone – Questo è il cuore delle attività più avventurose della nave, incluse The Ultimate Abyss (lo scivolo più alto che esista su una nave da crociera), The Perfect Storm (un trio di scivoli d’acqua serpeggianti), i due simulatori di surf FlowRider, un campo da mini-golf, una teleferica alta ben nove ponti, una piscina sulla spiaggia e il nuovo ristorante El Loco Fresh Mexican.
Royal Promenade – Le occasioni per mangiare, bere un drink e fare shopping abbondano lungo questo vivace “corso principale” sul mare. Qui si trovano una caffetteria, l’avveniristico Bionic Bar gestito da barman-robot motorizzati con Makr Shakr e il Rising Tide Bar che, in movimento, accompagna gli ospiti fino al Central Park.
 Youth Zone – In questo quartiere i giovani possono immergersi nella più ampia offerta di attrazioni per ragazzi mai vista prima sul mare, tra cui un inedito Puzzle Break in cui le squadre si sfideranno per uscire in tempo da una stanza “sottomarina”.
 Vitality at Sea Spa and Fitness Center – Ecco dove rilassarsi o allenarsi presso il centro benessere e fitness più grande del mare.
La 25a nave della flotta Royal Caribbean, Symphony of the Seas, salperà nell’aprile del 2018 per una stagione estiva nel Mediterraneo toccando i porti di Barcelona/Palma de Mallorca (Spagna), Provenza (Francia), Firenze/Pisa, Rome e Napoli (Italia). A partire dal 24 novembre 2018, Miami (Florida) diventerà per tutto l’anno la casa della Symphony of the Seas che salperà dal nuovo terminal A di PortMiami per crociere di sette notti tra i Caraibi.
Symphony of the Seas ospita 16 ponti, presenta una stazza lorda di 230.000 tonnellate, ha una capacità di 5500 ospiti in camera doppia e dispone di 2.775 cabine private.
 
 
 
 

GNV INTRODUCE IL COLLEGAMENTO NAPOLI – TERMINI IMERESE

Si amplia l’offerta dei collegamenti con la Sicilia: anticipate le partenze da Civitavecchia e introdotta la partenza da Napoli ogni sabato alle 13:30
Genova, 13 ottobre 2017 – In risposta alle richieste del mercato di riferimento, GNV ha anticipato l’orario sulla tratta Civitavecchia – Termini Imerese, con partenza da Civitavecchia alle ore 9:00 dal lunedì al venerdì e domenica alle ore 21:00.
Rimangono confermate le partenze da Termini Imerese alle 02:00 dal martedì a domenica, ad eccezione della partenza del venerdì, anticipata alle ore 01:30, per permettere una maggiore competitività durante il weekend ai propri clienti del comparto ortofrutticolo. Confermati anche i collegamenti da e per Palermo, con partenze da Civitavecchia il venerdì alle 19:00 e da Palermo la domenica alle ore 18:00.
 Inoltre, con l’obiettivo di garantire un’offerta sempre più completa e flessibile, è stato introdotto il nuovo collegamento Napoli – Termini Imerese, con partenze da Termini Imerese verso Napoli il sabato alle ore 02.00 e da Napoli verso Termini Imerese il sabato alle ore 13:30, a supporto delle specifiche esigenze sia dei clienti courier sia di quelli legati al trasporto dell’ortofrutta.
I nuovi orari da e per Termini Imerese consentiranno quindi di far fronte alla crescente domanda che il settore merci sta registrando e fornirà un aiuto concreto all’espansione del distretto in tutta Italia.
Grazie al potenziamento dei collegamenti attivati da GNV, il porto di Termini Imerese consente di evitare il traffico cittadino offendo così una rapida ed efficiente via di uscita per tutta la categoria merceologica del fresco e dell’ortofrutta proveniente in gran parte dalla Sicilia orientale, che ha la necessità di raggiungere i mercati del centro e del nord Italia nell’arco delle 24 ore.
Il porto di Termini Imerese rappresenta a tutti gli effetti l’estensione verso oriente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale e nel tempo si è specializzato in operazioni complementari a quelle già condotte dalla Compagnia nel porto di Palermo.
GNV ha inaugurato la linea Civitavecchia – Termini Imerese nel 2011, con due partenze settimanali il mercoledì e il venerdì. A partire dal 23 marzo 2017 la Compagnia ha lanciato 12 partenze settimanali per collegare da un lato Civitavecchia e dall’altro i porti di Termini Imerese e Palermo, garantendo una copertura ancora più capillare a vantaggio di passeggeri e trasportatori.
 

COSTA CROCIERE SOSTIENE IL PROGETTO “PINK IS GOOD” A BORDO DELLE SUE NAVI

A bordo delle navi della flotta Costa operanti nel Mediterraneo partono una serie di attività di sensibilizzazione a supporto del progetto “Pink is Good” della Fondazione Umberto Veronesi per la prevenzione del tumore al seno.
Il 16 ottobre a Napoli, in occasione dello scalo di Costa Fascinosa, si svolgerà l’iniziativa “Un cammino in rosa, guardando il mare” per raccogliere fondi a favore della Fondazione Umberto Veronesi, con in palio una crociera Costa.
Genova, 13 ottobre 2017 – In occasione del mese della prevenzione del tumore al seno Costa Crociere sarà nuovamente a fianco della Fondazione Umberto Veronesi per sostenere il progetto Pink is Good, che si pone come obiettivo di sconfiggere definitivamente il tumore al seno, promuovendo la prevenzione e supportando ogni anno le attività di ricerca.
Per il secondo anno consecutivo la compagnia italiana finanzierà una borsa di ricerca, da destinare a una giovane e meritevole ricercatrice italiana scelta dalla Fondazione Umberto Veronesi. A bordo delle navi della flotta Costa posizionate nel Mediterraneo verrà riproposta, nel corso di una intera settimana, la campagna di sensibilizzazione a favore di “Pink is Good”: materiale informativo e di approfondimento verrà distribuito in ogni cabina per informare gli ospiti sulla prevenzione del tumore al seno, con suggerimenti sugli stili di vita sani da seguire e sugli esami di controllo regolari da effettuare.
La nave ambasciatrice di questa campagna di sensibilizzazione sarà Costa Fascinosa. Il 16 ottobre, in occasione dello scalo a Napoli, si svolgerà l’iniziativa “Un cammino in rosa, guardando il mare“, una suggestiva passeggiata non competitiva di circa 6,5 Km, lungo il mare, tra via F. Petrarca e la Stazione Marittima. L’obiettivo è sostenere le attività di prevenzione al tumore al seno della Fondazione Umberto Veronesi, anche concretamente attraverso una raccolta fondi. Per partecipare alla camminata, che vedrà la presenza degli ospiti e dell’equipaggio di Costa Fascinosa, basta presentarsi alle ore 14 presso il piazzale antistante la Stazione Marittima. Tra tutti i partecipanti verrà estratta una crociera per due persone nel Mediterraneo proprio a bordo di Costa Fascinosa.
L’iniziativa è organizzata da Costa Crociere, Fondazione Umberto Veronesi, Marinter Shipping Agency, ASD RuNaples con il patrocinio del Comune di Napoli, che ha inserito la camminata negli “Stati Generali del Mare 2017”, rassegna che per tutto il periodo di ottobre e novembre offre un ricco calendario di eventi gratuiti con protagonista il mare.
 

MOBY E TIRRENIA PARTNER DELL’EVENTO ORTI, ARTI E GIARDINI

LE DUE COMPAGNIE DEL GRUPPO ONORATO ARMATORI CON LE LORO NAVI GARANTISCONO IMPORTANTI AGEVOLAZIONI AGLI ESPOSITORI
Milano, 13 ottobre 2017 – Moby e Tirrenia sono partner della manifestazione Orti Arti e Giardini, evento organizzato dall’associazione Slow Food di Cagliari che si terrà nel capoluogo sardo il 14 e 15 ottobre prossimi, nello splendido scenario del Parco della Musica. Due giorni dedicati ai temi del paesaggio, del verde e del cibo, con un’iniziativa capace di coinvolgere oltre 100 espositori fra produttori alimentari, artigiani isolani e vivaisti provenienti da tutta Italia, e che richiama un forte afflusso di pubblico. Le due Compagnie del Gruppo Onorato Armatori sono orgogliose di sostenere la manifestazione, assicurando importanti agevolazioni agli espositori provenienti dal continente e ai loro mezzi, e garantendo tutto il necessario per contribuire alla buona riuscita dell’evento. Orti Arti e Giardini, giunto quest’anno alla sua III edizione, ha anche una sezione scientifica dedicata ai temi dei cambiamenti climatici e della sostenibilità delle produzioni alimentari tradizionali, oltre ad appuntamenti musicali e sportivi che sicuramente attireranno un numero altissimo di visitatori. Per maggiori info www.ortiartiegiardini.it. Sulle navi Moby e Tirrenia la vacanza inizia a bordo grazie ai numerosi servizi offerti: dalla zona dedicata allo shopping alle aree bambini, ma anche i cinema, le sale giochi, le show lounge. Tirrenia ha inoltre avviato un’importante operazione di restyling delle navi a partire dalla Sharden e dalla Nuraghes, entrambe operative ogni giorno sulla linea Genova-Porto Torres: la prima riprende sulle fiancate Batman, il supereroe DC per eccellenza. Nella seconda la protagonista è Wonder Woman, una delle più grandi icone dell’universo immaginario dei fumetti. Fino a 4.700 partenze per la Sardegna (fino a 27 al giorno) e una capacità massima di circa 62.000 passeggeri giornalieri. Moby, insieme a Tirrenia, offre il più grande network di collegamenti e una vasta scelta di orari e porti di partenza, con la MOBY S.p.A.- Sede legale: Largo Augusto 8, 20122 Milano Compagnia Italiana di Navigazione S.p.A Cap. Soc. € 36.091.677,10 i.v. Sede legale: Cagliari, Via Sassari,3 – CAP 09123 Reg. Imprese Milano e C.F. 04846130633 – P.IVA 13301990159 Cap. Soc. € 5.000.000,00 interamente versato Società soggetta all’attività di direzione Cod. Fisc. e P. Iva 06784021211 – REA: CA – 281338 e coordinamento di Onorato Armatori S.r.l. Soggetta ad attività di direzione e coordinamento Società con unico socio della società “Onorato Armatori S.r.l.” possibilità in alta stagione di viaggiare sia in notturna che in diurna grazie al potenziamento delle corse. Viaggiare con Moby e Tirrenia significa sentirsi completamente a proprio agio, in un ambiente piacevole con un’atmosfera di relax e divertimento.

ASSOLOGISTICA FA IL PUNTO SULLA LOGISTICA ITALIANA

In un recente incontro con la stampa il presidente Andrea Gentile e i vertici associatici hanno affrontato i temi cruciali del nostro settore e sui quali da 70 anni l’Associazione lotta e si confronta.
Milano 18 ottobre 2017 - “In Assologistica tutti gli operatori della logistica sono rappresentati con pari dignità e da 70 anni l’Associazione porta avanti gli interessi dell’intera categoria”. E stato questo l’esordio di Andrea Gentile (presidente dell’Associazione che dal 1947 rappresenta imprese di logistica, magazzini generali e frigoriferi, terminal operator portuali, interportuali e aeroportuali) alla recente conferenza stampa alla quale erano presenti anche i vice-presidenti Sebastiano Grasso (con deleghe operative in materia di politiche trasporto ferroviario), Massimiliano Montalti (deleghe operative in politiche per l’internazionalizzazione delle Imprese), Umberto Ruggerone (deleghe operative per le politiche degli interporti), il segretario generale Jean Francois Daher e il presidente di Assologistica Cultura e Formazione Luigi Terzi.
Italia, collocazione “inconsapevolmente” strategica?
Subito dopo avere ricordato quanto strategica sia la logistica per il nostro Paese, che vive di approvvigionamenti delle materie prime per poi trasformarle ed esportarle (2a in Europa al riguardo, subito dopo la Germania), Gentile ha sottolineato come nel Mediterraneo, dove lo Stivale è collocato, passano i maggiori traffici merci provenienti soprattutto da Asia e Mar Nero e quasi l’80% di tali traffici è rappresentato da merci alla rinfusa che poi proseguono verso i porti del nord Europa. “Le potenzialità sono quindi enormi – ha continuato Gentile – Peccato che ci troviamo però in presenza di politici e clienti industriali con un certo deficit culturale in tema di logistica. Un esempio? In Olanda tutto quanto accade intorno e dentro al porto di Rotterdam rappresenta il 15% del Pil nazionale e tutto quanto è a servizio di Rotterdam è percepito positivamente sia dal mondo politico che da quello produttivo. In Italia una simile percezione non c’è: facciamo esattamente il contrario, rendendoci la vita difficile”.
 La svolta politica, finalmente!
Dopo anni di lentezze e indecisioni anche il mondo politico italiano pare però avere invertito la rotta, effettuando un salto di qualità, soprattutto mediante alcune riforme, a partire da quella della portualità. “La riduzione e il superamento delle Autorità portuali e la costituzione delle Autorità di Sistema Portuale (Adsp) non rappresenta solo un cambiamento di tipo nominale e non siamo in presenza unicamente di una semplificazione ammnistrativa – ha detto Gentile -  Le Adsp sono tenute a dar vita a un’integrazione con il sistema logistico, ovvero devono dialogare con le ferrovie, gli interporti, i centri logistici e così via, evitando di comportarsi come cattedrali nel deserto”
 Tempo di “resurrezione” per le nostre ferrovie
Per il vicepresidente Grasso finalmente – dopo la recente creazione del polo Merci Italia delle FS – si può parlare di resurrezione per le nostre ferrovie per quanto riguarda la divisione merci, grazie all’approccio illuminato e razionale di un ministro, Graziano Delrio, che tecnico non è, ma che sta dimostrando voglia di fare con le ormai celebri “cure” del ferro e dell’acqua.
“Un fermento che non vedevamo da tanto tempo – ha affermato Grasso – dal ministro Signorile in poi c’è stato un buco pluriennale, che ora pare volersi colmare, grazie anche alla volontà di condividere scelte e decisioni con gli attori del settore. Il Ferrobonus, l’incentivo previsto dalla Legge di Stabilità per il triennio
 2016-2018 a sostegno del trasporto combinato e trasbordato su ferro, rappresenta una sorta di primavera dopo un inverno profondo.”
Grasso ha ricordato i risultati negativi delle recenti gestioni delle nostre Ferrovie “Questi risultati hanno però indirettamente favorito il nascere di soluzioni alternative offerte da privati – ha aggiunto Grasso – emblematico il caso di Fercargo, associazione di 16 imprese ferroviarie nata nel 2009 per supportare la liberalizzazione del mercato ferroviario italiano. Ai privati è toccato dunque il compito in questi anni di difendere l’immagine del traffico ferroviario merci italiano”.
Sebbene il ferro in Italia continui a presentare criticità che ci rendono meno competitivi rispetto a quanto accade a nord delle Alpi (presenza di due macchinisti invece di uno, 24-25 vagoni su cui caricare le merci invece di 30, ecc.) non è vero però che i treni merci non siano puntuali. “Se il treno è ben servito al terminal e se entra in modo minutale in traccia, la puntualità del servizio è garantita: in Contship abbiamo il 94% degli arrivi on time – ha sostenuto Grasso – Una cosa deve però essere chiara: il traffico merci su ferrovia richiede pianificazione, soprattutto perché le tracce vanno acquisite di anno in anno”.
Grasso ha infine accennato al caso Rastatt, ovvero le sette settimane di interruzione della circolazione dei treni sul corridoio ferroviario Reno- Alpi (dal 2 ottobre la linea ha però ripreso a funzionare) sono servite alle associazioni, tra cui anche Assologistica, per fare il punto della situazione nel settore ferroviario.  “La faccenda ha creato danni enormi e questo ci deve far riflettere a non essere sempre e solo critici col nostro Paese: anche nell’efficientissima Germania, a interruzione avvenuta, non erano disponibili itinerari alternativi a quello forzatamente interrotto!”, ha concluso Grasso.
 Magazzini generali, quel decreto regio va aggiornato
Il vicepresidente Montalti ha affrontato il tema dei magazzini generali: Assologistica ha attivato una fitta interlocuzione con il MISE su diversi temi riguardanti tali infrastrutture; questa stretta collaborazione ha permesso di assistere gli associati circa il delicato tema delle cauzioni. “Nei prossimi mesi ci impegneremo per presentare ai vertici del ministero una proposta di revisione della normativa, che fa riferimento a un regio decreto del 1927, per il rilancio di una realtà storica quali sono appunto i magazzini generali”, ha detto Montalti. Il vice-presidente ha poi spiegato come per Assologistica resta imprescindibile la necessità di fare rete tra imprese, facendo conoscere in modo chiaro alle istituzioni il core business dei soci, “tra i cui compiti – ha aggiunto – vi è anche quello di accompagnare le PMI nel loro processo di internazionalizzazione, superando modalità operative di consegna delle merci orami obsolete (ex work o franco fabbrica) e poco producenti. Fondamentali sono per noi infine le sinergie con altre organizzazioni: emblematico è l’accordo da noi siglato con Confagricoltura”.
  Formazione, da dieci anni Assologistica in prima linea
A Luigi Terzi, presidente di Assologistica Cultura e Formazione è toccato il compito di ricordare come quest’anno il ramo formativo di Assologistica compia dieci anni e come da sempre persegua il compito fondamentale di elevare il livello culturale degli operatori del settore. “Più cultura è uguale anche a più passione – ha chiarito Terzi – E la passione nel nostro lavoro conta molto. I nostri corsi sono tenuti non solo da consulenti, ma anche da addetti ai lavori, il che conferisce del valore aggiunto alla nostra formazione, la quale di anno in anno arricchisce la sua offerta, giungendo nel 2017 a proporre anche un master di 200 ore per la formazione di responsabili delle questioni doganali, figura sempre più importante in vista del conseguimento della certificazione AEO”. Nelle future linee strategiche dell’Associazione figurano un impegno nel favorire i processi di digitalizzazione dei soci e una maggiore collaborazione con altri enti.
  E il lavoro dove lo metto?
Alla conferenza stampa si è discusso anche del lavoro in logistica. Da quasi due anni è scaduto il contratto nazionale di lavoro del comparto logistica, trasporto merci e spedizione. Dopo mesi di negoziazione il sindacato ha programmato tre giorni di sciopero per la fine di ottobre. La volontà del mondo dell’autotrasporto di trattare separatamente gli istituti per il personale viaggiante sta di fatto determinando una spaccatura del contratto. Anche il mondo della cooperazione sta trattando separatamente: è come se il contratto nazionale stia perdendo la sua funzione regolatrice.
Di lavoro ha parlato il segretario generale Daher, il quale – dopo avere ripercorso la storia di Assologistica, nata nel lontano 1947 come “Magazzini Generali Alta Italia” e poi evolutasi e arricchitasi nel tempo
aggregando anche altre associazioni fino a darsi l’attuale connotazione nel 1997 – ha ricordato come di recente non si sia stati in grado di far conciliare il diritto sindacale con il diritto di fare impresa da parte delle aziende. “Due cose vorrei sottolineare – ha continuato Daher – la prima è che il tema del lavoro sarà al centro del convegno che precederà la consegna dei premi Il Logistico dell’anno 2017 il prossimo 20 ottobre in Assolombarda a Milano; la seconda è che Assologistica è nata avendo come punto focale il MAGAZZINO e quindi, al di là di tutte le rivoluzioni in atto, il magazzino resta centrale per la nostra attività, a dispetto di chi, già negli anni Ottanta ne decretava la morte!”.
Interporti, un’idea tutta italiana
Il vicepresidente Ruggerone ha ricordato come l’idea degli interporti sia di origine tutta italiana: a inizio anni ’70 infatti Mauro Ferretti ipotizzava il ricollocamento delle merci in aree esterne in prossimità di centri urbani e industriali, al fine di ottimizzare la gestione delle merci. “L’idea è attualissima – ha continuato Ruggerone – con la necessità di alleggerire le città, procedendo all’integrazione della supply chain in aree ad hoc. La prima legge sugli interporti risale al 1990 e a oggi queste infrastrutture sono 24, di cui 5 sono aderenti ad Assologistica. La legge è attualmente in via di riformulazione. Più che di interportualità sarebbe però corretto parlare di intermodalità e Assologistica, con tutte le sue anime, rappresenta una risorsa proprio per la sua multidisciplinarietà”. Anche Ruggerone ha sottolineato come il mondo della logistica e dei trasporti stia vivendo una bella stagione pure a livello politico. “Tuttavia se sopra il corridoio 5 siamo già in Europa – ha aggiunto – non ci si spiega perché per compiere un tragitto di 40 chilometri tra Novara e Milano si debba impiegare un’ora e mezza. Ancora oggi la merce va per lo più su camion nel nostro Paese: scarseggiano efficienti collegamenti ferroviari e la dotazione terminalistica a fatica raggiunge la qualità di quella del nord Europa e questo solo nella parte settentrionale dell’Italia. C’è poi il tema dell’armonizzazione del sistema e in Assologistica, più che in altre associazioni, si sta cercando di dare risposte a questi temi”.
Un’ultima parola Ruggerone l’ha dedicata alla Borsa di Studio Alvaro Spizzica che il 20 ottobre, in occasione dell’assegnazione degli award della Logistica, verrà consegnata anche quest’anno a una giovane laureata, il tutto in memoria di Spizzica che tanto ha fatto per la logistica e gli interporti nel nostro Paese e che tanta attenzione riservava ai giovani.

GNV PARTNER DEI VFF SEADAYS 2017

 Dal 13 al 16 ottobre la Compagnia ha accolto a bordo delle motonavi Excelsior e Splendid                               gli ospiti dei VFF Seadays 2017
Genova, 17 ottobre 2017 – GNV ha ospitato a bordo delle motonavi Excelsior e Splendid circa 60 operatori turistici del settore shipping in occasione dei VFF Seadays 2017.
La manifestazione, conclusasi ieri, è organizzata dall’associazione tedesca Verband für Fährschifffahrt und Fährtouristik e riunisce diverse compagnie europee operanti nel settore del trasporto passeggeri via mare.
I VFF Seadays sono l’evento itinerante del settore shipping dedicato al mercato trade, in cui workshop e tavole rotonde, organizzate a bordo delle motonavi delle compagnie di navigazione partner del network VFF, affrontano i temi di turismo e shipping.
GNV è stata scelta per ospitare i lavori dell’edizione 2017 dei VFF Seadays. Venerdì 13 ottobre, la Compagnia ha accolto i partecipanti a bordo della motonave Excelsior, salpata da Genova alla volta di Palermo. La tappa siciliana, che ha previsto la visita del capoluogo e di Monreale, si è conclusa il 15 ottobre, quando la motonave Splendid è ripartita per Civitavecchia. Un tour ai Colli Albani e a Frascati hanno posto fine alla tre giorni dedicata al trasporto via mare.
È così che GNV si è dimostrata ancora una volta protagonista del settore, facendosi promotrice di un evento che rappresenta un fondamentale momento di incontro tra agenti e compagnie di navigazione, tra cui Anek Lines, Color Line, DFDS, Fiordline, Stena Line, Superfast Ferries, TALLINK, SILJA LINE.
La Verband für Fährschifffahrt und Fährtouristik è nata ad Amburgo nel 1995. GNV è membro dell’associazione da diversi anni e partecipa attivamente agli eventi che questa organizza in Germania, tra cui fiere di settore e attività di comunicazione dedicate ad agenzie viaggi e tour operator.
GNV è una delle principali compagnie di navigazione italiane operanti nel settore del cabotaggio e del trasporto passeggeri nel Mar Mediterraneo, con una flotta di 12 navi e collegamenti marittimi da e per Sicilia, Sardegna, Spagna, Tunisia, Marocco, Francia e Albania.
 

ALL’ARSENALE A VENEZIA, GLI STATI GENERALI DELLA LOGISTICA DEL NORDEST

Roma-Venezia 17 ottobre 2017 -  Si terranno a Venezia gli Stati Generali della Logistica del Nordest, ospiti della Marina Militare nella storica cornice dell’Arsenale. Una mattinata di incontri tra il gotha della portualità, della logistica e dei trasporti del Nordest con l’obiettivo di delineare lo stato dell’arte delle infrastrutture e dei servizi offerti da porti e interporti di Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.
L’evento, dopo i saluti istituzionali della Marina Militare e del Sindaco di Venezia, si aprirà con una relazione di Ennio Cascetta (RAM) per fare il punto sulla logistica a Nordest nel contesto delle politiche nazionali. Seguirà una tavola rotonda sulle previsioni di crescita dei porti e interporti del Nordest alla quale prenderanno parte Pino Musolino (Adsp Adriatico Settentrionale), Zeno D’Agostino (Adsp Adriatico Orientale), Daniele Rossi (Adsp Adriatico Centro-Settentrionale) e Matteo Gasparato (Presidente Interporti Riuniti).
Protagonisti della seconda tavola rotonda saranno gli operatori privati, ovvero le imprese che ogni giorno utilizzano le infrastrutture dei territori per le loro attività. Alle imprese è affidato il compito di evidenziare  le opportunità  – ma anche le criticità – del sistema.
L’incontro si chiuderà con le dichiarazioni dei Presidenti delle tre Regioni del Nordest, Luca Zaia (Veneto), Debora Serracchiani (Friuli Venezia Giulia) e Stefano Bonaccini (Emilia Romagna).
 Le conclusioni sono affidate al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio.
A sancire la collaborazione futura e fattiva tra i sistemi portuali e gli interporti, sarà firmato un position paper strategico che costituirà una Cabina di Regia tra porti, interporti e Ministero delle Infrastrutture per il rilancio della logistica a Nordest. Si tratta dell’inizio di un percorso comune che, nel tempo, porterà alla redazione di  un vero e proprio Protocollo di Intesa che ha l’ambizioso compito di potenziare e armonizzare gli interventi programmati, i cantieri aperti e le priorità di ciascun territorio dando vita ad un sistema logistico integrato di infrastrutture e servizi per l’intero Nordest.
 Giovedì 26 ottobre 2016 a partire dalle ore 8.30
Sala degli squadratori – Arsenale di Venezia
Fermata vaporetto “Arsenale” linea 4.1 (da Piazzale Roma o da stazione FS Santa Lucia) 

La Fondazione “Pies Descalzos” di Shakira e Costa Crociere insieme per la costruzione di una scuola in Colombia.

A Barcellona Shakira e Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere, hanno annunciato l’avvio ufficiale del progetto con una simbolica cerimonia di consegna del “primo mattone”. La scuola verrà costruita a Cartagena (Colombia), con fine dei lavori programmata a giugno 2019. La scuola darà istruzione e sostegno a 1.300 studenti e all’intera comunità locale.
Genova, 18 ottobre 2017 –   La superstar internazionale Shakira e Costa Crociere hanno festeggiato a Barcellona l’avvio ufficiale del progetto di donazione a favore della Fondazione Pies Descalzos per la costruzione di una scuola in Colombia. Il progetto punta ad aiutare i bambini disagiati, fornendo loro un’istruzione pubblica di qualità, e le loro famiglie, diventando un vero e proprio centro di aggregazione per l’intera comunità locale.
Nel corso dell’evento di presentazione, Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere, ha consegnato a Shakira il “primo mattone” per la costruzione della scuola, il “Mattone della Felicità”, a simboleggiare l’avvio del progetto. I lavori inizieranno nel 2018, quando il mattone arriverà a bordo di una delle navi di Costa Crociere, dopo un viaggio da Barcellona a Cartagena. Durante il tragitto, sia i membri dell’equipaggio che gli ospiti della nave avranno la possibilità di lasciare una dedica e uno speciale messaggio.
La nuova scuola sorgerà a Cartagena, tra i distretti “Ciudad del Bicentenario” e “Villa de Aranjuez”, con fine lavori prevista a giugno 2019. Potrà accogliere 1.300 studenti dai 6 ai 18 anni, garantendogli istruzione e sostegno. La scuola seguirà il modello di “istruzione pubblica di qualità” lanciato dalla Fondazione Pies Descalzos, che comprende anche programmi alimentari e sanitari, oltre a attività di formazione dedicate per i genitori e la comunità locale. Il centro sarà attrezzato con strutture all’avanguardia, quali una biblioteca, un auditorium, una sala mensa, aree sportive, laboratori (per lo sviluppo professionale, scientifico e tecnologico), aree dedicate alla prima infanzia, oltre 40 classi e sale studio.
Pies Descalzos è una ONG (organizzazione non governativa) colombiana fondata nel 1997 dalla famosa artista internazionale Shakira, con l’obiettivo primario di promuovere un’istruzione pubblica di qualità a favore dei bambini che si trovano in situazioni di particolare difficoltà in Colombia.
Il forte legame tra Costa Crociere e Shakira, testimonial dal 2015 del brand italiano per la campagna denominata “Felicità al Quadrato”, prevede anche la partecipazione attiva di Costa al programma filantropico della Fondazione da lei creata.
“Sono lieta che una compagnia come Costa Crociere comprenda l’importanza di ricevere un’istruzione di alta qualità per accrescere il benessere nella nostra società – ha dichiarato Shakira – Non vedo l’ora di lavorare insieme per garantire l’accesso a un’istruzione d’eccellenza e a strutture all’avanguardia per 1300 bambini di Cartagena, nella mia Colombia”.
 Quale azienda leader che opera in tutto il mondo, abbiamo il dovere e la possibilità di sostenere le comunità locali nei vari continenti – ha affermato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere – Alla fine del 2014 abbiamo creato la Costa Crociere Foundation, evoluzione naturale dell’impronta sociale ed ambientale che Costa Crociere ha sostenuto e sviluppato negli anni. Oggi, il nostro impegno nei confronti della Fondazione Pies Descalzos ci consente di aiutare bambini e famiglie anche in Sud America”.
 
Questa iniziativa si inserisce perfettamente nel contesto delle attività di supporto alle comunità in diversi continenti che Costa già conduce tramite la propria Fondazione. Costa sostiene l’organizzazione Mercy Ships, che provvede a fornire servizi sanitari essenziali in Africa; in Asia, Costa Crociere Foundation garantisce supporto economico per l’istruzione di 500 bambini svantaggiati nelle Filippine; in Europa la Fondazione è fortemente impegnata per favorire il miglioramento sociale e ambientale delle comunità locali, attraverso 21 progetti. Agli inizi di quest’anno, inoltre, è stato inaugurato a Norcia un asilo per 125 bambini vittime del terremoto che ha colpito il centro Italia, struttura oggi pienamente operativa grazie al supporto di Costa e della sua Fondazione.

Le prospettive del traffico crocieristico in Campania

NAPOLI-L’anno che si sta chiudendo ha registrato una flessione per il mercato crocieristico nell’intero Paese. Napoli resta il terzo porto nella graduatoria per movimento dei passeggeri. In termini di accosti i porti della Campania sono anch’essi al terzo posto. Per il prossimo anno le previsioni indicano una ripresa del traffico per l’Italia, ed anche per Napoli, con una inversione di tendenza rispetto a quanto si sta determinando nel 2017. Complessivamente Napoli e Salerno nel 2018 supereranno il milione e cento mila croceristi.
Si tratta di un fatto positivo, considerando che gli anni successivi – 2019 e 2020 – saranno decisivi per il futuro del mercato crocieristico, in quanto cominceranno ad entrare in esercizio le nuove navi attualmente in costruzione, determinando un forte ampliamento dell’offerta a livello mondiale. Si tratta di prepararsi a questo momento cruciale per il futuro.
Per i porti della Campania molto dipenderà dalle politiche che si determineranno nella allocazione dei traffici tra gli scali dell’intera regione. Salerno potrà diventare player strategico con il completamento degli escavi, al 2020, per utilizzare le potenzialità della splendida stazione marittima.
Nel corso dei prossimi anni, a partire dal 2018, sarà decisivo quanto potrà essere deciso sugli altri scali (Amalfi e Sorrento), che oggi accolgono approdi crocieristici a largo, determinando una dispersione, ed anche una congestione in porti che potrebbero svolgere meglio una funzione più focalizzata sul turismo diportistico.
Intanto le previsioni per il 2018 confermano una flessione per lo scalo salernitano con una riduzione di circa 17 mila croceristi rispetto al 2017, passando da 79 mila croceristi dell’anno in corso a circa 60 mila per l’anno prossimo. In conseguenza della riduzione, gli attracchi diminuiranno passando da 48 scali a 42.
“La flessione che prevediamo per Salerno – osserva il Presidente Pietro Spirito – è dovuta principalmente sia alle scelte delle compagnie crocieristiche di approdare a largo di altri scali della Campania sia ai fondali attualmente insufficienti per il pescaggio delle navi da crociera di grande dimensione. I lavori di dragaggio inizieranno nell’autunno del 2018, e, una volta conclusi, consentiranno al porto di Salerno di incrementare il traffico legato alle crociere.”
Per quanto riguarda lo scalo partenopeo le previsioni di traffico registrano un incremento di circa 5% degli approdi di navi e di circa il 10% di croceristi per l’anno 2018: 385 scali nel 2018 contro i 350 del 2017, 1.092.000 croceristi nel nuovo anno contro i 950.000 rispetto all’anno in chiusura.