• 24 Maggio 2024 12:38

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Made in Italy addio. Ferretti Yacths in mano cinese

Il gruppo Shig compra in debito dell’azienda di Forlì

 

Finisce in mano cinese uno dei prodotti tipici del made in Italy. È stato ufficializzato l’accordo con cui Shandong Heavy Industry Group – Weichai Group acquisirà la quota di controllo del produttore italiano di imbarcazioni di lusso, attraverso la partecipazione alla ristrutturazione del suo debito.

Con un ammontare complessivo di 374 milioni di euro (compreso un investimento per 178 milioni di euro e un finanziamento del debito per 196 milioni) il gruppo asiatico acquisirà, dopo il completamento delle procedure di ristrutturazione del debito, una quota del 75% di Ferretti. Rbs e i fondi gestiti da Strategic Value Partners investiranno a fianco di Shig-Weichai ed entrambi avranno il 12,5% delle azioni. “Uno dei punti strategici del nostro gruppo – commenta Tan Xuguang, presidente di Shig – è quello di sviluppare il business degli yacht nei prossimi cinque anni. Ferretti possiede marchi che sono icone internazionali, tecnologie all’avanguardia, prodotti di altissima qualità e una estesa rete di vendita: per questo è’ per noi un partner ideale con un forte valore strategico. Grazie a questa acquisizione, il Gruppo collaborerà a stretto contatto con un produttore di yacht di fama mondiale, supportando Ferretti con nuovi canali di vendita, capitali e altre risorse con cui espandersi con maggiore efficacia nei mercati emergenti, un’area fondamentale per la crescita potenziale di Ferretti. Le sinergie tra il Gruppo e Ferretti potranno attivare ampie condivisioni in termini di condivisioni di risorse integrazioni industriali. Ferretti si avvantaggerà in competitività, di costi di produzione, canali di vendita, servizi post-vendita e forza finanziaria; partendo da qui si creerà una situazione favorevole per entrambi che consentirà a Ferretti di consolidare la sua leadership sul mercato delle imbarcazioni di lusso”.