• 19 Maggio 2024 08:04

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Castellammare. Taglio della lamiera per il secondo pattugliatore della Guardia Costiera

Il Contrammiraglio Picone presenzia la cerimonia alla Fincantieri stabiese

 

Si è tenuta oggi, nello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia, la cerimonia del taglio della lamiera per l’inizio dei lavori di costruzione del secondo pattugliatore commissionato dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto.

All’evento hanno preso parte, in rappresentanza della Guardia Costiera,  il Direttore Marittimo della Campania, Contrammiraglio Domenico Picone, il Comandante in IIa della Capitaneria di Porto di Napoli, Capitano di Vascello Oreste Pallotta, il Capitano di Fregata Salvatore Carannante, che hanno incontrato i vertici della Fincantieri stabiesi accompagnati dal  Comandate in IIa della Capitaneria di Porto di Castellammare, Capitano di Fregata Luigi Amitrano.

Durante la sobria cerimonia il Contrammiraglio Domenico Picone ha simbolicamente azionato il macchinario per il “cutting”, come si dice in gergo, ed ha poi sinceramente auspicato che con l’avvio della costruzione di questa seconda moderna unità della Guardia Costiera possa iniziare definitivamente il rilancio che i cantieri di Castellammare meritano.

Le due unità sono concepite per operare in mare aperto in condizioni “particolarmente sfidanti” e saranno impiegate per operazioni di ricerca e salvataggio, antinquinamento, antincendio e funzioni di controllo dell’immigrazione clandestina. Potranno inoltre operare con funzioni di centro e comando di operazioni navali complesse.

Lunghe 94 metri, larghe 16, queste unità possono raggiungere una velocità massima di circa 17 nodi, con un’autonomia di oltre 3000 miglia, per un dislocamento a pieno carico di circa 3600 tonnellate. Con 20 uomini di equipaggio, potranno trasportare 30 tecnici e imbarcare fino a 60 naufraghi.

Inoltre, saranno dotate di quattro imbarcazioni veloci (gommoni a chiglia rigida, in gergo tecnico) in grado di raggiungere i 35 nodi di velocità ed essere impiegati in diversi tipi di missione e interventi d’emergenza. Disporranno infine di un ponte di volo per elicotteri di tipo AB212 o AW139. Le unità risponderanno ai più avanzati requisiti certificati dal Registro Italiano Navale (RINA) e dal team tecnico del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Nel corso della visita a Castellammare il Contrammiraglio Domenico Picone ha colto l’occasione per verificare, come da prassi, lo stato di avanzamento dei lavori del primo pattugliatore, il cui taglio della lamiera fu inaugurato il 19 settembre 2011 con analoga cerimonia dall’Ammiraglio Francesco Lo Sardo ed il Contrammiraglio Franco Persenda del Comando Generale delle  Capitanerie di Porto.