• 19 Aprile 2024 13:37

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Blitz a Porta Nolana: sequestrati oltre 13 tonnellate di prodotti ittici

Operazione congiunta di Guardia Costiera e Corpo Forestale

 

Napoli. Circa 11 tonnellate di anguille allevate abusivamente a Mugnano e sottoposte a sequestro. La notizia arriva nel tardo pomeriggio, in presa diretta, nel corso di una conferenza stampa presso la Capitaneria di porto di Napoli. La ciliegina sulla torta di una giornata campale che induce l’Ammiraglio Domenico Picone ad esprimere “orgoglio” per l’attività svolta.

Oltre 13 tonnellate di prodotti ittici sequestrati, quattro persone denunciate, 2 locali chiusi, 12 sanzioni amministrative elevate. Sono solo alcune cifre di un’operazione, la prima in assoluto del genere, svolta congiuntamente da Guardia Costiera e Corpo Forestale nell’ambito dell’attività istituzionale di controllo e vigilanza dell’intera filiera ittica.

L’intervento, scattato nelle prime ore del mattino nella zona di Porta Nolana, ha visto la partecipazione di 70 uomini (quaranta appartenenti alla Capitaneria di Porto e trenta al Corpo Forestale dello Stato) nonché l’utilizzo di un elicottero della Guardia Costiera ed un nucleo di supporto della polizia di Stato.

Frutto, come spiegato dall’Ammiraglio Picone, di “un lungo lavoro di indagine, essenziale per la riuscita di azioni così ampie”, l’operazione ha registrato gli illeciti più svariati: prodotti in pessimo stato di conservazione e non idonei al consumo, strutture abusive carenti delle prescritte autorizzazioni sanitarie, vendita di specie protette o sprovviste della necessaria tracciabilità.

“Abbiamo mandato un importante segnale di presenza dello Stato – ha sottolineato il 1° Dirigente del Corpo Forestale, Vincenzo Stabile – in una zona dove la diffusa illegalità porta a considerare del tutto normale vendere prodotti proibiti come datteri o squalo smeriglio”.

Una volta sul mercato i prodotti sequestrati avrebbero fruttato almeno 300mila euro: “30mila pasti igienicamente impropri” sottratti al consumo di persone ignare. “Non so – ha concluso Picone – se riusciremo ad ottenere ancora risultati di questa importanza ma assicuro il nostro costante impegno anche per i prossimi giorni”.