• 15 Aprile 2024 19:45

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Assologistica. Da maggio rischio paralisi nei porti italiani

Sicurezza sul lavoro, non completato l’armonizzazione delle disposizioni

 

Malgrado la proroga di un altro anno avvenuta nel 2011 per i tempi di armonizzazione tra le disposizioni generali in materia di sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008) e il D.Lgs. 272/99 sulla sicurezza e salute dei lavoratori nell’ambito delle operazioni e servizi portuali, ancora nulla è stato fatto e si rischia che, alla scadere della data di proroga, il settore entri nell’alveo della applicazione in via esclusiva del solo D.Lgs. 81/200.

L’allarme è lanciato da Assologistica che paventa la reale e concreta possibilità che “dal 16 maggio prossimo si blocchino le attività nei porti italiani” con conseguenze disastrose per un settore già pesantemente toccato dalla crisi dei traffici.

Pur esprimendo apprezzamento per il lavoro del vice ministro Ciaccia l’associazione dei terminalisti italiani sottolinea e rilancia “la specificità dei porti, dovuta alle loro caratteristiche uniche di connessione della terra al mare, che obbligano ad organizzazioni contemporanee del lavoro di tante imprese diverse nel processo logistico di movimentazione delle merci, che non possono essere omogeneizzate né ai parametri di sicurezza dei cantieri di costruzione, né a quelli degli altri nodi logistici”.

Una bozza dello Schema di Regolamento per la modifica del D.Lgs 272/99 e la sua armonizzazione con le norme dell’81/2008 fu definita già dall’aprile 2010 con il coinvolgimento, promosso dalla Direzione Generale dei Porti del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, di tutte le parti interessate comprese le Organizzazioni Sindacali.

Assologistica chiede che la bozza così condivisa sia emessa ovvero, in subordine, si arrivi ad un nuovo rinvio, “per evitare conseguenze catastrofiche sull’economia e sulla logistica delle merci originate, destinate, in transito o trasbordate nel nostro paese e movimentate dai porti italiani in centinaia di milioni di tonnellate all’anno”.

“Diversamente, dal 16 maggio 2012 per ogni nave che scalerà un porto italiano – sostiene l’associazione – dovrà essere fatta una specifica valutazione del rischio e le operazioni portuali inizieranno solo dopo una lunga trafila burocratica”.

Assologistica ricorda che l’approvazione dello Schema di Regolamento è senza oneri per lo Stato ed evita pesanti conseguenze sull’economia nazionale – imprese esportatrici, importatrici e consumatori – assai più gravi di quelle del blocco dell’autotrasporto.