• 24 Febbraio 2024 04:17

Salerno. Insediamenti industriali aperti per la logistica

Lo prevede il nuovo PTCP. Si punta a un nuovo scalo commerciale

 

Insediare le attività logistiche nelle aree destinate ad insediamenti industriali. È quanto prevede il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Salerno, recentemente approvato, accogliendo una proposta avanzata dalla Camera di Commercio.

Nato con l’obiettivo di razionalizzare i suoli e integrare porto commerciale, sistema manifatturiero e sistema della logistica, l’emendamento – spiega la Camera – “prende le mosse da un paradosso normativo-interpretativo che nel corso degli anni ha di fatto impedito alle attività della logistica di insediarsi nelle aree destinate agli insediamenti industriali della provincia di Salerno”.

Con il risultato di allontanare “fisicamente” una importante funzione di servizio e supporto dell’industria manifatturiera, con conseguente aggravio in termini di tempi e costi, e di generare un utilizzo improprio dei suoli.

“L’allontanamento fisico della logistica dall’industria manifatturiera costituiva un’irrazionale paradosso Storicamente – sottolinea il Vice Presidente della Camera di Commercio di Salerno Antonio Ilardi – il passaggio della logistica da una funzione sussidiaria ad un ruolo strategico si è accompagnato in molte aziende ad una propensione a esternalizzare le attività di trasporto, affidando a terzi un compito che non rientra nel core business aziendale, allo scopo di minimizzare i costi ed assicurare maggiore flessibilità alla struttura produttiva. L’accoglimento dell’emendamento al PTCP pone le basi per favorire una maggiore integrazione tra porto commerciale, aeroporto, sistema manifatturiero e sistema della logistica. Con l’accoglimento di tale emendamento –  prosegue Ilardi – oltre a dare positivo riscontro alle proposte inoltrate negli ultimi mesi dalle imprese manifatturiere e della logistica, si otterrà anche una più agevole e rapida approvazione del pacchetto di semplificazioni amministrative sostenuto dall’Ente Camerale con riferimento alle aree ASI”.

Riguardo i trasporti il PTCP intende favorire l’inserimento del territorio provinciale nella griglia dei corridoi transeuropei, ottimizzare il sistema infrastrutturale esistente, realizzare interconnessioni tra la scala locale e le reti di livello sovraprovinciale privilegiando soluzioni di intermodalità. Tra gli interventi proposti anche la riqualificazione del sistema portuale turistico, la razionalizzazione delle “Vie del Mare, la realizzazione di un nuovo porto a sud di Salerno “in grado di movimentare circa 2,5 milioni di TEU all’anno e che possa accogliere anche traffici ro-ro, delle autostrade del mare e di merci varie”. Ancora da definire la localizzazione delle opere che saranno  determinate a partire dalla grandezza e dal numero delle navi attese, dall’ampiezza dei piazzali occorrenti per la movimentazione delle merci e dall’evidente necessità che il porto comprenda uno scalo ferroviario di adeguata capacità”.

I commenti sono chiusi.