• 15 Luglio 2024 16:06

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

L’evento presentato in Regione Lazio alla presenza di Renata Polverini

 

È stata presentata questa mattina presso la sede della Giunta regionale Lazio, l’edizione 2012 dello Yacht Med Festival, la Fiera Internazionale dell’Economia del Mare e della Blue Economy che si terrà a Gaeta dal 21 al 29 aprile. All’incontro sono intervenuti il presidente della regione, Renata Polverini, il presidente della Camera di Commercio di Latina e vicepresidente Unioncamere Lazio, Vincenzo Zottola, e l’ammiraglio Antonino Parisi, comandante Maricapitale.

“Il Lazio è una regione leader nella cantieristica – ha dichiarato la presidente Polverini – ma non ha avuto una confidenza appropriata con il suo mare. Dobbiamo aiutare questo rapporto e per questo sosteniamo con forza questa fiera”.

Tra le novità di questa edizione illustrate dalla stessa Polverini, il festival della cucina mediterranea, il Salone della nautica accessibile e il primo Festival internazionale dell’editoria del mare. “Stiamo inoltre lavorando – ha annunciato – per organizzare il prossimo anno una Fiera internazionale del turismo e del made in Lazio, in cui il protagonista sarà il Mare”.

L’assessore regionale al Turismo, Stefano Zappalà, ha ricordato gli interventi normativi attivati negli ultimi tempi “per quanto riguarda gli approdi, il demanio marittimo e la destagionalizzazione. Si tratta – ha confermato – di tasselli importanti per lo sviluppo dell’economia del mare”.

Ideata dalla Camera di Commercio di Latina, la manifestazione sarà organizzata insieme alla Regione Lazio, in collaborazione con Unioncamere Lazio, Comune di Gaeta, Camera di Commercio di Roma, Camera di Commercio di Frosinone, Camera di Commercio di Caserta, Autorità portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, Regio Prima Latium et Campania e Il mio Lazio.

L’evento è caratterizzato dalla presenza di aree espositive e attività inerenti sia i settori tradizionalmente legati al mare come la nautica, il turismo, la pesca, la formazione, la portualità, la logistica e i trasporti che quelli invece legati alla valorizzazione delle produzioni tipiche, dell’artigianato artistico e del patrimonio storico e culturale.

“Ci siamo dovuti attestare, nonostante le numerose richieste eccedenti – ha sottolineato Vincenzo Zottola – a 300 stand, oltre alle aree espositive dedicate, 35.000 metri quadri di superficie espositiva per uno svolgimento lineare di un chilometro sul lungomare di Gaeta e 160 imbarcazioni a mare. Prevediamo un incremento del 50% degli operatori coinvolti, con 30.000 tra espositori, imprese, istituzioni, giornalisti. Hanno già confermato la loro presenza autorevoli delegazioni straniere e numerose imprese provenienti da diversi Paesi del Mediterraneo, come Francia, Israele, Malta, Marocco, Spagna e Tunisia e dal Brasile”.