• 25 Giugno 2024 08:20

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Pozzuoli. Si sbloccano i lavori per il collegamento Tangenziale-porto

Ordinanza regionale chiude le pendenze espropri

 

Si sblocca il progetto di collegamento della tangenziale di Napoli con il porto di Pozzuoli. A rendere possibile la ripresa del secondo lotto di interventi di un’opera che avrebbe dovuto essere terminata entro il 16 agosto 2010, un’ordinanza del presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, che risolve la delicata questione degli espropri.

Dopo sei anni dall’avvio dei lavori affidati al consorzio Copin, potrà così chiudersi la vicenda del collegamento viario “Svincolo Via Campana della Tangenziale di Napoli – Porto di Pozzuoli”, progetto dal costo complessivo di 153 milioni e 980 mila euro, di cui 73,9 a carico della Regione e 80 da reperire attraverso il Fondo per le Infrastrutture.

Nato nell’ambito di un più ampio piano per il “collegamento tra la Tangenziale di Napoli e la viabilità principale e secondaria costiera” lo svincolo si inserisce nell’elenco delle seguenti opere, a servizio delle numerose aziende presenti sul territorio: galleria veicolare a doppia canna di collegamento diretto tra la Tangenziale di Napoli e la fascia costiera attraverso Via Fasano ed il nuovo porto di Pozzuoli; svincolo di monte, con la nuova sistemazione delle interconnessioni tra Via Fascione, la Variante Solfatara e Via Montebarbaro e la nuova rampa di uscita dalla tangenziale per gli utenti provenienti da Roma; svincolo di valle, con la sistemazione con un nuovo sistema a doppia rotatoria, per collegare le gallerie di progetto con la fascia costiera, il centro di Pozzuoli e l’area portuale.