• 17 Giugno 2024 16:11

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Porto di Salerno, ottimismo per il 2012

Traffici in crescita. Si sblocca anche l’aereoporto

 

Collaborazione istituzionale e credibilità. È la ricetta che induce all’ottimismo sul futuro del porto di Salerno. Ne è convinto il presidente dell’Autorità portuale, Andrea Annunziata, che ha illustrato nel corso di una conferenza stampa il bilancio delle attività dello scalo campano.

Per il traffico merci è stato registrato un incremento medio di oltre il 10% rispetto al 2010, con una movimentazione complessiva che si attesta su 10 milioni di tonnellate. Il segno più ha caratterizzato tutte le tipologie di traffico, con un picco nel settore ro-ro, +13%, collocando Salerno tra i cinque scali europei per maggiore tasso di crescita. “Questo – ha spiegato Annunziata – ha portato ad uno snellimento sulle nostre autostrade con 300mila Tir tolti dalle strade. Dunque, meno incidenti, meno vittime e un maggior rispetto dell’ambiente con un abbattimento considerevole dell’inquinamento”.

Importanti risultati sono venuti anche dal settore passeggeri. Successo ha riscosso l’incremento dei collegamenti intercostieri delle “Vie del Mare” (+5% secondo stime dell’Ap) mentre per il 2012 si prevede un significativo incremento nel settore crocieristico con un aumento delle richieste di approdo del 60% rispetto a quest’anno.

Essenziale per effettuare lo sperato balzo in avanti in questo settore, il completamento dei lavori di consolidamento delle banchine, della Stazione Marittima e la possibilità, dopo anni di stop, di poter promuovere l’aereoporto Salerno – Costa d’Amalfi.  Con la recente sdemanializzazione di una zona militare che ne impediva una completa gestione, ha infatti sottolineato Annunziata, si potrà finalmente procedere all’allestimento delle infrastrutture esterne. Primo passo verso un’offerta organica di trasporto turistico e non che porranno l’area al centro del Mediterraneo.