• 14 Aprile 2024 12:54

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Intelligenza artificiale, Donne imprenditrici: “Una sfida per università, imprese e terzo settore”

Diredazione City

Feb 27, 2024

la presidente di Aidda Giachetti e l’incontro con gli esperti alla Bicocca di Milano: “L’IA va governata, si rischia la disinformazione”

Milano – “Dal Forum economico di Davos è emerso che il maggior rischio nei prossimi anni sarà di natura tecnologica: l’Intelligenza artificiale, se non governata, avrà effetti deleteri in termini di disinformazione. Anche per questo, come Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda, abbiamo organizzato un momento formativo con esperti del settore”. 

A dirlo è la presidente di Aidda Antonella Giachetti dopo l’incontro “L’Abc dell’Intelligenza Artificiale” che si è svolto nei giorni scorsi all’Università Bicocca di Milano. Un confronto, quello tra le socie di Aidda e gli esperti del settore della Bicocca, che è stato l’occasione per capire e approfondire caratteristiche, opportunità e rischi dell’IA. 

Il professore associato Federico Cabitza, la dottoranda in Informatica Chiara Natali e il Francesco Osborne (ricercatore alla Bicocca) hanno illustrato quali attività possono essere gestite efficacemente dalle attuali tecnologie che stanno rivoluzionando il processo decisionale e produttivo in diversi settori. Analizzati anche i rischi associati come il “bias”, la distorsione cognitiva derivante dai dati che può portare a decisioni discriminatorie, le sfide etiche dei sistemi che non sono sempre trasparenti ed il fenomeno delle “allucinazioni”.
“Come donne imprenditrici siamo tornate sui banchi universitari – spiega la presidente di Aidda Antonella Giachetti – convinte della necessità di una sinergia e collaborazione fra università, imprese e terzo settore per rispondere alle sfide che il mondo oggi presenta. Anche se al momento gli algoritmi non possono sostituire la valutazione e componente umana, i sistemi di IA non garantiscono che chi li progetta si sia preoccupato degli effetti che questi sistemi possano avere sulle persone. Di fatto, si sta constatando un effetto di radicalizzazione del pensiero delle persone che sta portando ad una preoccupante contrapposizione muro contro muro, un elemento che incentiva purtroppo l’incapacità di dialogare. E questo è un primo grosso rischio. L’IA potrebbe, poi, essere progettata sulla base di un interesse economico di pochi rispetto alla comunità. E allora il rischio diverrebbe inquietante, perché qualcuno potrebbe pensare di poter orientare le persone nel loro agire e pensare”.
“Come Aidda abbiamo sempre sostenuto che ad una sempre maggiore digitalizzazione va unito un rafforzamento della cultura umanistica, valoriale, etica. Il nostro progresso ha un limite che è quello del nostro sviluppo etico e spirituale” sottolinea Giachetti.