• 19 Luglio 2024 01:29

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

I porti italiani al Fruit Logistica di Berlino

La promozione del sistema logistico e portuale nel settore orto-frutticolo

Berlino – Fruit Logistica, la principale fiera internazionale dell’ortofrutta, si è svolta a Berlino la settimana scorsa in un clima di grande attenzione per il settore primario. I porti italiani si sono presentati all’interno di un padiglione Italia che è stato realizzato unitamente ad Agenzia ICE, al fine di lavorare in sinergia per lo sviluppo del comparto anche al fine di attrarre nuovi investimenti negli scali portuali del Paese.

La manifestazione rappresenta il fulcro delle relazioni mondiali degli operatori del settore agroalimentare e di tutto l’indotto. Nell’edizione appena finita è stata data particolare attenzione sullo scenario economico da parte del sistema portuale italiano insieme a istituzioni, imprese e stakeholder.
In un contesto generale di aumento dei costi di produzione, effetti tangibili del cambiamento climatico sulle coltivazioni, si aggiungono le incertezze derivanti dallo scenario mondiale con il protrarsi della guerra in Ucraina, la crisi del canale di Suez che ha un impatto consistente anche sulla movimentazione delle merci del settore ortofrutticolo.

Secondo i dati di Confagricoltura, il comparto dell’ortofrutta fresca, esclusi i trasformati industriali, vale oltre 16 miliardi di euro. L’export di tutto il comparto, comprensivo anche della filiera, nei primi dieci mesi del 2023 ha raggiunto quota 9,4 miliardi di euro (+ 11,5% rispetto all’anno precedente), confermandosi settore essenziali per il Paese.
Grazie alla presenza dei porti italiani sono stati sottoscritti degli accordi per garantire dei corridoi privilegiati per il flusso delle merci (import-export), in particolare con l’area del Nord Africa.

“I porti italiani,” ha dichiarato il Presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, “hanno un ruolo di primo piano per l’export e import di molti prodotti ortofrutticoli. La conferma del ruolo dei porti per la filiera è data dalle numerose attività svolte nel padiglione del sistema portuale italiano unitamente agli uffici per l’attrazione degli investimenti e l’internazionalizzazione di ICE, e dalle visite istituzionali importanti come la presenza del Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobridiga e il Presidente di ICE, Matteo Zoppas, accompagnati dal Direttore Generale ICE, Lorenzo Galanti e dal Direttore della sede di Berlino di ICE, Ferdinando Fiore. Il momento in cui stiamo lavorando è molto particolare e le attività del sistema portuale nei contesti internazionali diventano ancor più importanti,” ha concluso Giampieri.