• 25 Giugno 2024 06:46

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Deiulemar. L’accordo tra i soci porta 75 milioni

Garantita la sopravvivenza della società. In arrivo il concordato preventivo

 

La notizia che scioglie la tensione di un’intera città, arriva di sera, nel corso del consiglio comunale straordinario dedicato alla vicenda Deiulemar. L’avv. Roberto Maviglia, amministratore unico della società, mette a tacere le voci circolate nei giorni scorsi sui presunti contrasti tra i soci del gruppo torrese, annunciando il raggiungimento di un’intesa sulla “messa a disposizione dei beni personali”.

La promessa, rispettata, fatta ad una popolazione con il fiato sospeso (13 mila le famiglie potenzialmente coinvolte in un crac di Deiulemar) è stata così accolta da un applauso liberatorio.

Come comunicato direttamente dalla società, Michele Iuliano, Maria Luigia Lembo, Giuseppe Lembo e Lucia Boccia (vedova Della Gatta) metteranno a disposizione complessivamente 75 milioni di euro “costituiti da denaro contante, immobili e partecipazioni societarie”. Inoltre, è stato formalizzato l’impegno , “ad apportare alla società le partecipazioni, detenute da Deiulemar Holding S.p.A., relative al 100% delle quote societarie di Sakura Hotel S.r.l. e di Progresso e Futuro S.A.”, compagine che indirettamente detiene una partecipazione nella società proprietaria di Palazzo d’Avalos a Napoli, e “a richiedere ai rappresentanti degli strumenti giuridici cui ne è riconducibile, la titolarità di far si che sia apportato alla società il 100% delle quote societarie di Deiulemar Shipping S.p.A, che, a sua volta, detiene il 100% delle quote societarie di Ledi Shipping S.r.l.”.  

Una svolta nel dipanarsi di una vicenda ancora tutta da risolvere che, nell’immediato, assicura solo “la sopravvivenza della società e della sua operatività”. In attesa del censimento che farà luce sulla reale consistenza dei certificati obbligazionari in corso e che determinerà “lo scostamento” tra patrimonio complessivo e debito della società. Solo quando quest’operazione sarà conclusa, come afferma Maviglia, si provvederà “alla presentazione di un piano di concordato preventivo”.