• 25 Giugno 2024 07:38

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Culp di Napoli in crisi, mediazione dell’Autorità portuale

Riunione la prossima settimana per l’emergenza occupazionale nello scalo

 

Si terrà la prossima settimana un incontro tra Autorità portuale, sindacati, imprenditori e Culp sulla crisi dei “portuali” napoletani. Il confronto sarà preceduto da una serie di riunioni tra l’ente di Piazzale Pisacane e i maggiori terminalisti dello scalo per fare il punto della situazione sui turni di lavoro affidati alla Culp diminuiti rispetto all’anno scorso del 25%.

“Quest’anno – conferma il presidente della Cooperativa, Massimo Ambrosio – copriremo circa 12 mila turni rispetto ai 16 mila dell’anno scorso. Nonostante il rispetto degli impegni sottoscritti negli ultimi anni, tra cui una riduzione dell’organico che ci ha portato a meno di novanta unità, non riscontriamo alcun beneficio, anche perché molte aziende rifiutano di darci lavoro”.

Una situazione drammatica che ha portato i lavoratori a inscenare una protesta sul tetto dell’edificio che ospita l’Ap nei giorni scorsi e a darsi appuntamento mercoledì prossimo per un sit in a Piazzale Pisacane per sollecitare una pronta soluzione del problema.

La Culp, da monopolista del lavoro portuale, si è trasformata nell’ultimo decennio in fornitore di lavoro temporaneo nei settori container, cabotaggio e crocieristico in un percorso non senza tensioni con le aziende dello scalo.

“Una possibile valvola di sfogo – ipotizza Ambrosio – potrebbe essere rappresentata da un diverso utilizzo della banchina 21, attualmente destinata alla crocieristica. Diverse realtà imprenditoriali potrebbero riuscire a portare a Napoli il lavoro che manca ma non ci sono spazi disponibili”.