• 19 Aprile 2024 13:16

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Caremar, sciopero il 29 ottobre

Crisi di liquidità, no al taglio degli stipendi

 

Ancora problemi per la Caremar nonostante il prestito ponte da otto milioni garantito dalla Regione Campania. “Dopo la delibera di giunta e il successivo decreto che stanzia i fondi necessari alla prosecuzione delle attività della Caremar sino alla sua privatizzazione, la ragioneria della Regione non ha ancora reso disponibile le risorse, con la conseguente carenza di liquidità per l’azienda. Sono quindi a serio rischio le spettanze del mese corrente”.

È la denuncia che arriva da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti che hanno indetto uno sciopero di 24 ore il prossimo 29 ottobre.

I sindacati hanno rigettato le scelte dell’azienda su trattenute della turnistica e taglio dei salari in relazione all’integrativo aziendale. “Peraltro – ricordano – tutto l’integrativo si basa su lavori effettivamente svolti dall’equipaggio e spesso necessari alla sicurezza della navigazione e del mezzo nautico, i cui importi sono fermi da anni addietro”.

Sull’iter di privatizzazione – dieci le manifestazioni d’interesse giunte per l’ex compagnia della Tirrenia – si stagliano intanto le ombre dei ricorsi al Tar. Cinque, per la precisione, dai comuni di Forio, Ischia, Capri, Anacapri e Autmare Ischia.