• 19 Aprile 2024 14:37

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Caremar, collegamenti azzerati per lo stato di agitazione dei lavoratori

Compagnia in crisi di liquidità, sciopero il prossimo 29 ottobre

 

Collegamenti Caremar con le isole del Golfo azzerati fino alle 17:30 per lo stato di agitazione del personale marittimo della società. Dopo l’annullamento delle prime corse previste in giornata, con il blocco delle partenze dei traghetti Fauno e Driade, i lavoratori hanno incrociato le braccia in modo definitivo al termine di un’assemblea organizzata a bordo dell’unità Isola di Capri.

“Non partiremo – spiegano – fino a quando non arriveranno i soldi promessi”. Al centro della protesta la questione dei tagli ai salari per i quali era stato annunciato due giorni fa uno sciopero di 24 ore il prossimo 29 ottobre. Ad esasperare gli animi gli slittamenti continui sul pagamento degli stipendi e la scelta della compagnia di decurtare ulteriormente quell’integrativo aziendale che, come denunciano i sindacati, “si basa su lavori effettivamente svolti dall’equipaggio e spesso necessari alla sicurezza della navigazione e del mezzo nautico, i cui importi sono fermi da anni addietro”.

Non aiutano nemmeno i ritardi burocratici della Regione per la messa a disposizione del prestito ponte di otto milioni deciso recentemente da Palazzo Santa Lucia. “Dopo la delibera di giunta e il successivo decreto che stanzia i fondi necessari alla prosecuzione delle attività della Caremar – affermano Fit Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti – la ragioneria della Regione non ha ancora reso disponibile le risorse, con la conseguente carenza di liquidità per l’azienda. Sono quindi a serio rischio le spettanze del mese corrente”.

Il blocco a sorpresa dei collegamenti ha creato difficoltà per pendolari e studenti suscitando proteste sulle isole. “Così facendo – protesta Pasquale Sabia, vice presidente del Consiglio Comunale di Procida e delegato ai trasporti – si danneggiano, esclusivamente, altri lavoratori che hanno uguali responsabilità e diritti.”