Confitarma: assemblea e convegno sul Mediterraneo

assemblea-italiani-armatori

Roma 28 ottobre 2019 – Il 31 ottobre si terrà a Roma presso l’Auditorium della Tecnica – Confindustria in Viale Tupini 65, la sessione pubblica dell’Assemblea annuale della Confederazione Italiana Armatori.

I lavori saranno aperti dalla relazione del Presidente Mario Mattioli, che farà il punto sull’attuale situazione della flotta mercantile italiana e sulle prospettive future.

Successivamente, il Direttore Paolo Mieli modererà gli interventi di Claudio Andrea Gemme, Presidente Gruppo Tecnico Industria e Ambiente di Confindustria, Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Paola De Micheli, Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, e Manlio Di Stefano, Sottosegretario di stato al Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

In attesa di conferma da parte di altri alti esponenti del Governo, insieme all’industria armatoriale, alle associazioni e alle imprese del cluster marittimo, hanno già assicurato la loro partecipazione numerosi rappresentanti delle ambasciate estere in Italia oltre a personalità del mondo politico, militare, amministrativo, imprenditoriale e sindacale. In queste ore è giunta la conferma della presenza all’Assemblea di Confitarma del Primo Ministro albanese Edi Rama.

Al termine dell’Assemblea di Confitarma, si terrà il Convegno “Il Mediterraneo. Quale navigazione? Quali rotte per l’Italia”, organizzato in collaborazione con Diplomatia e Istituto Italiano di Navigazione. Lucio Caracciolo, Direttore della rivista Limes, modererà gli interventi dell’Amm.Isp. (CP) Antonio Basile, Vice Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, Francesco Benevolo, Direttore Operativo Rete Autostrade Mediterranee-RAM, Mario Boffo, Consigliere Diplomatia, Fabio Caffio, esperto di diritto marittimo internazionale, Sebastiano Cardi, Direttore generale per gli Affari politici e di sicurezza del MAECI, e Mario Mattioli, Presidente Confitarma. Sono previsti anche interventi di diplomatici dei paesi dell’area mediterranea.