• 19 Maggio 2024 06:38

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Zero emissioni rispetto dell’ambiente, imbarcazioni innovative e responsabili per vivere in maniera sostenibile

 lo stato dell’arte della nautica elettrica alla terza edizione di Villa d’Este Style Electric Yachting

Il 17 settembre scorso, si è tenuta nella splendida cornice di Villa d’Este la terza edizione di Villa d’Este Style Electric Yachting, l’appuntamento annuale dedicato alla nautica elettrica. Realizzato in collaborazione con la Fondazione Alessandro Volta e il Cantiere Ernesto Riva, ha visto il susseguirsi di momenti di approfondimento culturale e di scoperta e prova pratica, grazie alla presenza di diversi cantieri che hanno portato una selezione di imbarcazioni tecnologiche e innovative.

La giornata si è aperta con un saluto di Matteo Cristina, CFO di Villa d’Este e del Professor Luca Levrini, Presidente della Fondazione Alessandro Volta, che hanno sottolineato l’importanza dell’iniziativa, necessaria per fare un punto sullo stato dell’arte della navigazione elettrica pubblica e privata, con particolare attenzione alla realtà lariana, che rappresenta un importante obiettivo di sviluppo, come già sta avvenendo con i laghi in Svizzera, Germania e Austria. L’Ente Gestione Governativa Navigazione Laghi, rappresentata dal Direttore Tecnico Paolo Mazzucchelli, ha da tempo intrapreso un processo di transizione energetica e di adeguamento tecnologico sui mezzi della propria flotta mettendo in atto strategie prioritarie per la riduzione delle emissioni e per lo sviluppo in ambito lacuale della mobilità elettrica. Per l’autunno 2023 è prevista la consegna sul Lago di Como di Iris (capacità 250 persone), sottoposta a un intervento di ammodernamento della motonave costruita dai Cantieri Navali Breda negli anni 50 e oggi predisposta con una motorizzazione ibrida. In autunno verrà inoltre avviata la costruzione del modello C114, dalla capienza di 350 persone.

Sul Lago di Lugano, come illustrato da Salvatore Oliviero della Società Navigazione Lago di Lugano, è in atto il Progetto Venti35, che punta a emissioni zero entro il 2035 e passa dalla modernizzazione dei battelli esistenti con motorizzazioni ecologiche e performanti, alla selezione di nuovi natanti altamente tecnologici e alla creazione delle infrastrutture di ricarica elettrica a terra. Nicoletta Molinari, Vicepresidente di Acinque, – la multiutility presente a Como, Varese, Lecco, Monza e Sondrio – ha evidenziato che il lago di Como, anche grazie alla forte presenza turistica, si presta ad avere un ruolo da protagonista nello sviluppo e nella diffusione della mobilità sostenibile lacustre. Fondamentale la collaborazione di tutti gli attori territoriali pubblici e privati per creare sinergie volte a incentivare l’acquisto e l’utilizzo di mezzi di trasporto elettrici, implementare le infrastrutture di ricarica elettrica e la modernizzazione dei battelli, per vivere il lago in maniera sostenibile. Il Sindaco di Como Alessandro Rapinese è intervenuto sottolineando la necessità che questo sviluppo venga portato aventi in maniera organica e in sinergia con gli altri aspetti legati all’urbanistica e alla mobilità.

Il convegno istituzionale, moderato da Maria Rita Grieco, vicedirettore Tg1 e Francesco Condoluci, Caporedattore di Economy online, ha visto la partecipazione di: Gianpiero Mastinu, Segretario Generale del Cluster Lombardo della Mobilità, Marco Galimberti, Presidente della Camera di Commercio di Como Lecco, Mauro Guerra, Presidente ANCI Lombardia e Sindaco del Comune di Tremezzina, Matteo Monti, Consigliere dell’Autorità di Bacino del Lario e Sindaco Comune di Cernobbio, Giorgio Mariani, Assessore del Comune di Busto Arsizio. Daniele Riva, del Cantiere Ernesto Riva, ha sottolineato l’importanza della progressiva elettrificazione delle barche, necessaria per monitorare l’impatto ambientale e abbattere le emissioni e di come il settore della nautica sia pronto per una conversione sempre più decisa verso la mobilità elettrica.

Nel pomeriggio si è tenuto un momento di navigazione per gli ospiti (tra cui una discendente della famiglia Volta) verso Como, in omaggio al Tempio Voltiano, a bordo di diverse imbarcazioni elettriche: E-Next modello Villa d’EsteE-Next ErnestinoErnestoVaporina Elettra e Lucia del Cantiere Ernesto RivaGiulietta di RadiusCanna One e Breeze 20, prodotti rispettivamente in Polonia e nei Paesi Nordici e rappresentati in Italia da AQA Marine, presente inoltre con un modello di foil Overboat. Tra i partecipanti anche il cantiere italo-spagnolo Magonis con il modello Wave e-550 e una speciale imbarcazione di Weeken-do, una luxury houseboat eco-sostenibile ed eco-friendly dotata di motori elettrici e pannelli solari che sarà presto disponibile sul lago di Como.

La giornata si è conclusa con un talk tecnico al quale hanno partecipato il Professor Carlo Francesco Mario Bertorello, Docente dell’Università di Napoli Federico II e dell’Accademia Navale di Livorno che ha parlato della navigazione full electric a zero emissioni e ha portato come esempio un ferry-boat che naviga nei fiordi norvegesi. Igor Gioffi, CEO di Evor, ha illustrato l’efficientamento del sistema batterie/motore elettrico. Successivamente Manuel Cotoni e Leonardo Sanvitale, di UniBoAT – University of Bologna Argonauts Team hanno presentato Futura, un’imbarcazione full electric ed eco-sostenibile che ha partecipato al Monaco Energy Boat Challenge (MEBC) lo scorso luglio con brillanti risultati.  Antonio Biffi, CEO & Founder Voltiana Industria Italiana Idrogeno Verde, ha introdotto il tema dell’idrogeno verde di prossimità per una ricarica veloce a zero emissioni in ambito nautico. Flaviano Navone, Yacht designer allo IUAV Venezia ha parlato delle linee di carena e progettazione per la propulsione elettrica. Il talk si è concluso con un intervento di TYDE e BMW Group (Christoph Ballin – Managing Director TYDE, Peter Dengler – BMW Group – Project Lead THE ICON e Tom Allemeier – BMW Group – Director Industrial Design, Designworks – Munich Studio) che hanno presentato THE ICON, perfetto esempio di Sustainable Luxury nell’ambito della mobilità nautica. Questo concetto è stato illustrato anche con un modello in scala dell’innovativa imbarcazione, esposto all’Electric Yachting insieme ad una BMW i7, la berlina di lusso puramente elettrica che regala un’esperienza di guida indimenticabile.

Marco Makaus, Project Manager dell’iniziativa, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di aver potuto presentare a Villa d’Este Style Electric Yachting una grande varietà di proposte di nautica elettrica, che dimostra come questa nuova tecnologia sarà in futuro adattabile ad ogni tipologia di natante”.