• 16 Luglio 2024 14:21

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Welcome on board! Al via la campagna di promozione per avvicinare i giovani alle carriere marittime

Perché un giovane dovrebbe scegliere la carriera marittima? E’ a questo interrogativo che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con il supporto delle associazioni di categoria Assarmatori e Confitarma, ha mirato a dare una concreta risposta mediante la pubblicazione di un breve ma completo volume, di facile lettura, con l’obiettivo di avvicinare i giovani a questo particolare mestiere che nel corso degli anni ha, certamente e concretamente, contribuito a far crescere il nostro Paese.

Welcome on board!” – questo il titolo della campagna di promozione – è un invito ai giovani “a riscoprire una professione dura ma affascinante, antica ma moderna allo stesso tempo, fornendo loro risposte certe e favorendo, soprattutto, l’incontro con coloro i quali, tanti anni prima, hanno intrapreso questa carriera consapevoli di avviarsi ad una particolare professione, che ancora oggi, dopo tanti anni, li emoziona e li rende entusiasti e convinti della scelta intrapresa. Far riscoprire quindi ai giovani l’arte del navigare, un mestiere antico come il mondo che, con l’aiuto delle moderne tecnologie, è sicuramente meno duro e gravoso dei tempi passati, ma che continua a richiedere spiccate doti ed attitudini personali ed elevate qualità professionali“.

Un mestiere di alta qualificazione, dunque, che vede a monte una specifica attività di formazione e di addestramento diretta, in questo particolare momento storico, soprattutto a rispondere all’esigenza di plasmare nuove figure professionali specializzate e di rilanciare, al contempo, una rinnovata vocazione per le professioni del mare.

A tal scopo, con il  decreto interministeriale MIT/MEF n. 297 del 17/11/2023, sono stati stanziati ben 7 milioni di euro, per il periodo 2023-2026, da destinare alle imprese armatrici che si impegnino a formare e ad assumere i giovani per permetter loro di svolgere un periodo di navigazione necessario per accedere alla carriera marittima. Dunque, per gli aspiranti marittimi la formazione sarà totalmente gratuita.

L’importante risultato ottenuto risponde ad una necessità rappresentata da tempo all’amministrazione, ed è stato possibile alla luce delle sinergie tra l’armamento nazionale e le Organizzazioni sindacali Filt-CGIL, Fit-CISL e Uiltrasporti, maggiormente rappresentative a livello nazionale.

Al momento le figure professionali più ricercate a bordo delle navi sono: Ufficiali di sezione macchina e coperta; Sottufficiali e comuni di macchina e coperta; Personale di hotellerie.

“Le imprese di navigazione – commenta Giovanni Massimiliano Consoli, Assarmatori – starebbero rispondendo positivamente all’iniziativa messa in campo dal MIT che ha così dato un messaggio forte al settore, riconoscendone ulteriormente il valore strategico e puntando a mettere in campo quanto necessario per superare la crisi occupazionale odierna. Auspichiamo dunque che con questa nuova misura la carenza di personale marittimo, una difficoltà denunciata in più occasioni dal comparto, possa vedere una concreta riduzione, avvicinando al mondo del mare un maggior numero di persone, specialmente i giovani, così da poter tramandare quelle professionalità che rappresentano una peculiarità ed una eccellenza di molte aree del nostro Paese che vantano, per l’appunto, una forte vocazione marittima”.

 

Per saperne di più: 

lavoromarittimo.mit.gov.it

segreteria@assarmatori.euwww.assarmatori.eu
lavoro@confitarma.itwww.confitarma.it