• 18 Giugno 2024 04:00

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Sustainable Cruise, progetto europeo per la gestione sostenibile dei rifiuti

Costa Pacifica scelta come nave pilota

 

Entra nel vivo delle sue attività “Sustainable Cruise” progetto cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il Programma LIFE+, lo strumento finanziario dell’Unione Europea che sostiene le azioni per la salvaguardia dell’ambiente.

Capofila del progetto è Costa Crociere che lo ha ideato e proposto all’Unione Europea insieme a Ce.Si.S.P. (Centro interuniversitario per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti), e alle aziende italiane VOMM, Contento Trade, Design Innovation, Rina Services e Medcruise, associazione che riunisce i porti crocieristici del Mediterraneo.

Obiettivo del progetto è dare un più forte impulso all’applicazione della direttiva comunitaria sui rifiuti nei settori crocieristico e navale, incentivando la riduzione, la raccolta differenziata, il riutilizzo, il riciclo e il recupero.

Costa Pacifica (114.500 tonnellate di stazza e 3.780 Ospiti totali), costruita nel cantiere di Genova/Sestri Ponente ed entrata in servizio a fine maggio 2009, è la “nave pilota” scelta per il progetto su cui si sperimentano, per la prima volta nel settore marittimo, modelli di gestione e tecnologie innovative su tre tipologie specifiche di rifiuti – gli imballaggi, i rifiuti biologici e la carta – puntando a obiettivi molto concreti di riduzione alla fonte e recupero.

Poiché la gestione dei rifiuti non si ferma a bordo e deve essere integrata con attività di coordinamento che coinvolgano anche le strutture a terra, il progetto prevede anche la promozione di una rete euro-mediterranea di porti dedicata alla cooperazione nel campo della gestione dei rifiuti. Ambito di cui si occupa in particolare Medcruise.

“Sustainable Cruise” mira, inoltre, a definire una nuova tipologia di certificazione volontaria relativa al trattamento dei rifiuti a bordo della navi – e ai suoi effetti in termini di riduzione della CO2 – che possa essere fonte di ispirazione per una normativa europea ambientale specifica per il settore navale.

Le attività previste da “Sustainable Cruise” si inseriscono nell’ambito di una politica di gestione dei rifiuti che Costa Crociere applica a bordo della flotta già da diverso tempo e che prevede un sistema di raccolta differenziata del 100% dei rifiuti solidi di bordo, attraverso stoccaggio e smaltimento rigoroso dei rifiuti basato sulla suddivisione in 7 categorie: vetro, plastica, metallo, cibo, carta, ceramica, alluminio.

In particolare, le attività previste dal progetto Sustainable Cruise” su Costa Pacifica prevedono per quanto riguarda gli imballaggi – ovvero scatole di cartone, le bottiglie di vetro e di plastica e i contenitori di plastica – interventi per la riduzione all’origine di questa tipologia di rifiuti, con il coinvolgimento anche delle aziende fornitrici dei prodotti.

Altri interventi di “Sustainable Cruise” riguardano i rifiuti umidi – vale a dire gli scarti alimentari e il materiale organico – che su una nave come Costa Pacifica rappresentano una parte importante, pari a circa il 22% del totale dei rifiuti solidi, dal momento che la nave può ospitare a bordo sino a quasi 5.000 persone tra ospiti ed equipaggio. Attualmente, come previsto dalla normativa internazionale MARPOL (Annex V) a tutela dell’ambiente marino, il cibo residuo viene raccolto e triturato in un apposito impianto presente a bordo, e ciò che ne deriva diventa cibo per i pesci, che viene scaricato in mare. Grazie alle tecnologie innovative messe in campo dal progetto “Sustainable Cruise” la “polpa” prodotta dalla triturazione dei resti del cibo sarà trattata e potrà diventare un prodotto derivato (es. compost).

La carta, la terza tipologia di rifiuti interessata dal progetto, rappresenta invece circa il 16% dei rifiuti prodotti da una nave come Costa Pacifica. Nell’ambito di Sustainable Cruise” sono già stati analizzati i processi di approvvigionamento, immagazzinamento, utilizzo e smaltimento della carta a bordo della nave. Attualmente sono allo studio i processi da applicare per ridurre alla fonte, riutilizzare o smaltire in modo sostenibile i residui dei materiali cartacei presenti a bordo.