• 22 Maggio 2024 17:40

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Lo scalo crocieristico sorgerebbe tra la città e il Marina d’Arechi

 

Qualità della vita, pulizia, tranquillità, sicurezza, accoglienza ed efficienza. Sono le motivazioni che hanno spinto Carnival Cruise Line a includere il porto di Salerno nei suoi programmi crocieristici come spiegato ieri dai vertici della stessa compagnia nel corso della “Plaque & Keys Ceremony” tenutasi  a bordo della “Carnival Breeze”.

Una presenza, quella dell’ammiraglia del Gruppo americano (gigante da 130 mila tonnellate di stazza, con una portata di oltre 3000 passeggeri, più 1500 uomini di equipaggio) che conferma Salerno sulla rampa di lancio del mercato crocieristico e la necessità, sempre più sentita, di un adeguamento delle infrastrutture fronte mare.

La destagionalizzazione dell’attività fino a novembre, infatti, non basta più a “spalmare” le presenze e, come affermato ripetutamente dal Presidente dell’Ap, Andrea Annunziata, “non sappiamo come rispondere alle richieste che continuano ad arrivarci”.

Nasce da qui l’idea di un secondo porto, dedicato interamente alle crociere, che da semplice suggestione sembra prendere sempre più forma concreta.

Comune e Autorità portuale, a quanto sembra, sono in procinto di pianificare uno studio di fattibilità, il cui primo step prevede un attento monitoraggio delle correnti marine e delle conseguenze di una struttura del genere sul lungomare cittadina. Il nuovo scalo, in particolare, potrebbe sorgere tra la città e il nuovo porto turistico di Marina d’Arechi (Piazza Concordia): posizione ideale per incanalare senza problemi i turisti verso il centro urbano e, allo stesso tempo, permettere l’offerta di pacchetti turistici incentrati sulla costiera amalfitana e il Cilento.

Il porto, tra l’altro, si inserirebbe nella complessa ridefinizione del waterfront che sta interessando la città. “La nostra amministrazione – ha sottolineato, forse non a caso l’assessore al Turismo Vincenzo Maraio – sta investendo importanti risorse per la valorizzazione della risorsa mare. Qui i turisti troveranno presto un fronte del mare meraviglioso, arricchito dalle opere delle più grandi archistar, ma anche un ambiente sicuro ed accogliente”.