• 19 Luglio 2024 02:23

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Primo rapporto “Le relazioni economiche tra l’Italia e il Mediterraneo”

Il 2 dicembre a Napoli presentazione del volume

 

Il 2 dicembre 2001 a Napoli SRM – Studi e Ricerche per il Mezzogiorno – presenta il primo rapporto su “Le relazioni economiche tra l’Italia e il Mediterraneo”, lavoro di ricerca frutto delle elaborazioni più significative realizzate nell’ambito dell’osservatorio permanente sull’economia del Mediterraneo. La ricerca – spiega il Centro Studi – parte da un’idea ampia di Mediterraneo, che va dal Nord Adriatico al Marocco e si divide in tre parti. La prima parte dal titolo “L’economia, il commercio e le dinamiche di scambio” delinea il quadro macroeconomico dell’area MENA e il dettaglio dell’interscambio commerciale con l’Italia. La seconda parte, “Flussi finanziari: i fondi sovrani e le rimesse degli immigrati”, indaga gli aspetti dei movimenti di capitali in uscita e in entrata dal nostro Paese. La terza parte, “Le infrastrutture nel Mediterraneo: i trasporti marittimi, la logistica e le reti energetiche”, prende infine in considerazione l’analisi dei flussi di traffico marittimo, i sistemi portuali e, sul tema energetico, le nuove reti e corridoi.

Apriranno i lavori il Presidente di SRM, Paolo Scudieri, e il Direttore Generale del Banco di Napoli, Giuseppe Castagna, che introdurranno il Direttore Generale di SRM, Massimo Deandreis, per la più dettagliata presentazione della ricerca. Logistica, portualità, reti energetiche e flussi finanziari saranno poi i focus tematici del convegno che approfondiranno ulteriormente i contenuti del Rapporto. Si terrà poi una tavola rotonda sulla centralità del Mediterraneo per l’economia Italiana e del Mezzogiorno che vedrà confrontarsi esponenti nazionali e internazionali del mondo istituzionale e diplomatico, esponenti dell’imprenditoria e della finanza, che discuteranno sulla sempre maggiore rilevanza strategica assunta dal bacino del Mediterraneo per il nostro Paese. L’Italia, come evidenzia la ricerca, più di ogni altro Paese europeo ha stretto forti relazioni commerciali con l’Area Med. Siamo infatti il primo partner commerciale con 63,3 miliardi di euro nel 2010, un valore quasi doppio rispetto al 2001.