• 17 Giugno 2024 02:35

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Pesca e acquacoltura, un settore in continua evoluzione

Vigo – Si chiude oggi con la tavola rotonda dedicata alle Organizzazioni di Produttori il programma degli incontri che il Ministero dell’agricoltura della sovranità alimentare e delle foreste ha organizzato all’interno dello Stand Italia in occasione della sua partecipazione a Conxemar 2023.

La manifestazione ha rappresentato un momento importante per ribadire l’impegno del Ministero nella valorizzazione della risorsa ittica italiana, offrendo alle realtà del comparto pesca e acquacoltura provenienti da 12 Regioni la possibilità di presentare il proprio prodotto in un contesto internazionale, di intercettare opportunità di business e di creare connessioni.

A Vigo il prodotto ittico italiano si conferma sinonimo di freschezza, qualità e sicurezza, un riconoscimento che nasce dal percorso ambizioso sostenuto dal Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca che supporta la filiera nella transazione verso una pesca sostenibile, un’acquacoltura intelligente ed ecocompatibile.

In questi tre giorni lo Stand Italia ha saputo raccontare un settore di eccellenza, in grado di innovarsi e di fare sistema per far fronte alle nuove esigenze del mercato, e ha puntato i riflettori sul patrimonio gastronomico della pesca italiana. Questo è stato possibile anche grazie alla collaborazione con lo Chef Enrico Derflingher, vero e proprio ambasciatore della cucina italiana nel mondo, che è riuscito a esaltare le materie prime attraverso le sue ricette a base di pesce. Per la preparazione di degustazioni e pranzi lo Chef è stato affiancato da 11 studenti di pasticceria, cucina, sala e accoglienza dell’Istituto d’Istruzione Superiore Giancardi Galilei Aicardi di Alassio-Albenga (Sv), a testimoniare l’attenzione che il Ministero ha nei confronti della promozione di una cultura legata al patrimonio identitario italiano.