• 24 Febbraio 2024 16:15

Michael Thamm e Pierfrancesco Vago al Venezia Terminal Passeggeri

Venezia, 27 giugno 2022 – Oggi, il Group CEO del Gruppo Costa e Carnival Asia, Michael Thamm e il Presidente Esecutivo della Divisione Crociere del Gruppo MSC, Pierfrancesco Vago, hanno incontrato i dipendenti di Venezia Terminal Passeggeri (VTP) insieme a Fabrizio Spagna, Presidente di VTP.

Obiettivo dell’incontro è stato confermare al Terminal e ai suoi dipendenti l’impegno delle due compagnie, in qualità di principali clienti della struttura, riguardo al futuro dello scalo veneziano, e ribadire la determinazione nel supportare e rilanciare Venezia quale importante “home port” delle crociere, porto dal quale le navi delle due compagnie sono ripartite dopo la pausa Covid e nel quale continuano ad operare – nonostante le difficoltà – , con ripercussioni positive sul traffico crocieristico dell’intero Adriatico.

Nel testimoniare l’apprezzamento sia per gli sforzi compiuti dalle autorità per trovare una soluzione di lungo termine al problema delle crociere a Venezia, che per l’impegno profuso dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale, Fulvio Lino Di Blasio, per attrezzare nel più breve tempo possibile alcune banchine nel porto commerciale di Marghera, Thamm e Vago hanno rimarcato che la decisione del Governo di chiudere l’accesso alle navi, senza aver prima predisposto una soluzione alternativa, ha costretto le compagnie, i dipendenti del Terminal e l’intero indotto delle crociere a Venezia a sacrifici organizzativi ed economici di notevoli proporzioni.

Formulando l’auspicio che Marghera possa diventare presto una soluzione valida e praticabile, anche nel lungo periodo, le due compagnie continueranno a sollecitare il Governo riguardo a una maggiore attenzione sulla necessità di dotare il porto di Venezia di ulteriori e adeguate banchine a Marghera. Solo in tal modo, infatti, potrà essere garantito il ritorno stabile di un maggior numero di navi e di passeggeri, con l’obiettivo di assicurare una programmazione di lungo periodo su Venezia, con ripercussioni molto positive sul traffico crocieristico dell’intero Adriatico.

È infatti indubbio che Venezia svolga un ruolo centrale come hub di riferimento per tutta l’area che oggi, proprio a causa di una ridotta capacità dello scalo lagunare e della sua cruciale funzione di “home port”, vive un rallentamento rispetto – ad esempio – alla robusta ripartenza avvenuta nel Mediterraneo occidentale.

L’impegno che Michael Thamm e Pierfrancesco Vago hanno voluto testimoniare ai lavoratori di VTP è stato quello di svolgere ogni azione possibile per assicurare adeguate prospettive di crescita e sviluppo non solo per VTP, bensì per tutto l’indotto correlato alla crocieristica, che, in questi anni, a causa della pandemia e dell’incertezza, ha subito pesanti ripercussioni che potranno essere superate dal ritorno di una nuova impostazione della crocieristica in chiave più sostenibile e compatibile con le esigenze della città di Venezia.