• 18 Giugno 2024 05:24

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Da scugnizzi a marinaretti. L’esperienza della Nave-Asilo Caracciolo

Mostra a Castel dell’Ovo a cura del Museo del Mare di Napoli

 

A partire dal 3 aprile 2012, nelle sale delle terrazze di Castel dell’Ovo, il Museo del Mare di Napoli presenterà la mostra foto-documentaria “Da scugnizzi a marinaretti. L’esperienza della Nave-Asilo Caracciolo” curata da Antonio Mussari e M. Antonietta Selvaggio.

La mostra, attraverso materiali fotografici inediti e fonti d’archivio, ricostruisce l’originale esperimento educativo che ebbe luogo a Napoli tra il 1913 e il 1928, richiamando l’attenzione e l’ammirazione di studiosi e di esperti da tutto il mondo.

Il metodo pedagogico di Giulia Civita Franceschi, direttrice della Nave-Asilo, sottrasse alla strada oltre 750 “scugnizzi”, restituendoli a una vita sana e dignitosa.

Gli “ospiti”, giovani poveri ed emarginati, erano infatti avviati al lavoro sostenuti da un “Progetto educativo” che si proponeva di diffondere conoscenze, stili di vita e competenze tecniche basate sulla cultura marinaresca. I ragazzi oltre ad istruirsi imparando a leggere ed a scrivere, venivano formati, direttamente “sul campo”, alle arti marinaresche e alle nuove tecniche di navigazione e comunicazioni (era da poco nata la telegrafia).

La rievocazione di questa straordinaria esperienza, che rientra nel più ampio progetto del Museo del Mare “Per recuperare la memoria marinara di Napoli”, è il risultato di un percorso di ricerca storica in grado di restituire con completezza il senso di un’esperienza ingiustamente rimossa sotto l’azione di trasformazioni epocali che hanno messo a rischio la memoria del passato o dato vita ad una rievocazione frammentaria di essa.

Tra i documenti esposti, si possono leggere lettere autografe e ammirare più di cento fotografie, testimonianze da cui si evince l’organizzazione del percorso educativo e professionalizzante offerto ai “caracciolini” al fine di integrarli completamente nella società

Grazie alla formula di “mostra itinerante”, la nave-asilo Caracciolo è stata ospite a Procida, Castellammare di Stabia, Napoli (Capodimonte) Trieste, Bacoli, Baia, Genova, Salerno e Cetara.  La mostra sarà visitabile fino al giorno 19 aprile.