• 15 Aprile 2024 20:09

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Consegnato a Passera il nuovo Piano Nazionale della Logistica

Ultimo atto per la Consulta generale dell’autotrasporto

 

È stato inviato al Ministro Passera il testo finale del Piano Nazionale della Logistica 2012-2020, documento preparato dal Comitato scientifico (Boitani, Bologna, Dallari, Giordano, Gros-Pietro e Incalza) della Consulta dell’autotrasporto e della logistica, organismo recentemente abrogato dal Decreto Sviluppo sulla spending review.

Rispetto al Piano del 2006 il nuovo testo è incentrato sugli effetti di spinta alla economia italiana che potranno derivare dalle azioni per ridurre l’inefficienza logistica del nostro paese, stimata in 40 miliardi di euro, e dalla realizzazione delle reti di trasporto europee TEN-T, ben quattro delle si incroceranno nella Pianura Padana.

Nel documento è centrale il ruolo dei porti e delle ferrovie e pertanto non può più dirsi assolutamente «autotrasportistico», anche se delinea importanti misure di politica industriale per il frazionato autotrasporto italiano.

Il  Piano registra per l’Italia il 24° posto nella graduatoria mondiale per efficienza logistica, mentre siamo in 8ª posizione per il PIL prodotto. Questa bassa collocazione in classifica ci costa 40 miliardi di inefficienza logistica, che insieme al maggiore costo dell’energia e della burocrazia pesa sulla competitività del nostro Paese e costituisce uno dei motivi principali della bassa crescita economica degli ultimi dieci anni. Nel Piano si punta, perciò, a eliminare questa inefficienza logistica nell’arco dei prossimi dieci anni.