• 22 Maggio 2024 15:43

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Confitarma: come migliorare la competitività della bandiera nazionale

I Giovani Armatori analizzano gli aspetti che influiscono sulla operatività degli armatori italiani

 

I Giovani Armatori di Confitarma hanno costituito un gruppo di lavoro per l’analisi e l’osservazione dei fattori che condizionano l’operatività della flotta mercantile in un contesto internazionale di agguerrita concorrenza sui mari del mondo. Lo studio è stato presentato nel corso dell’Assemblea di fine anno, presieduta da Valeria Novella, convocata insieme alla Commissione Navigazione Oceanica presieduta da Angelo d’Amato.

“Sul presupposto che l’attuale struttura del Registro Internazionale Italiano è fondamentale e indispensabile per la competitività della nostra bandiera – ha affermato Angelo D’Amato – ci è sembrata molto interessante l’idea di analizzare i principali aspetti che influiscono sulla operatività degli armatori italiani confrontando norme e procedure previste in altri registri europei. Tengo a sottolineare che gli interventi previsti nelle proposte di questo studio dei Giovani Armatori sono a “costo zero”, un contributo particolarmente apprezzabile in questo momento di grave crisi del nostro Paese e soprattutto in linea con le indicazioni di rigore del nuovo Governo”.  

Dallo studio emerge chiaramente che sono numerosi gli elementi di forza del Registro Internazionale Italiano che, introdotto dopo gli altri, ha assorbito gli elementi positivi evitando l’adozione di quelli che hanno creato problemi agli altri registri nati prima, per esempio per quanto riguarda gli aspetti gestionali e fiscali. “Cionondimeno – afferma Valeria Novella – in un contesto come quello marittimo in continua evoluzione, l’eccellenza del nostro Registro Internazionale non può rimanere tale se non vengono attivati miglioramenti in linea con le nuove esigenze degli operatori. In particolare, l’aspetto che necessita di maggiori perfezionamenti è quello legato alle procedure burocratiche per le varie fasi della vita di una nave.”

È lampante l’esigenza di semplificare, o meglio “sburocratizzare”, tutta una serie di procedure che riguardano, ad esempio il rilascio di documenti/certificati per i quali oggi sono necessari procedure complesse e tempi troppo lunghi. “A tal fine – spiega il Presidente dei Giovani Armatori – come accade in tutti gli altri paesi, una riorganizzazione sviluppando procedure informatiche e via Internet, consentirebbe una maggiore velocità e praticità dell’interscambio dei documenti. Un accentramento delle competenze per il rilascio delle pratiche amministrative, oggi distribuite in varie sedi sul territorio nazionale, potrebbe notevolmente contribuire alla semplificazione mentre una ulteriore spinta allo snellimento potrebbe essere dato da un maggior coinvolgimento dei Registri di Classifica, per quanto concerne il rilascio di alcuni specifici certificati statutari”.