Nasce la Fondazione FS Italiane per la promozione della cultura ferroviaria

685

Al centro del progetto il Museo di Pietrarsa e il ricco archivio storico del Gruppo

C’è anche la valorizzazione del Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa tra i compiti della Fondazione FS Italiane, fondata da Ferrovie dello Stato Italiane, Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana. Un’iniziativa nata per “preservare l’inestimabile patrimonio storico, tecnico, ingegneristico e industriale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, in modo da consegnarlo integro alle generazioni future, come importante memoria condivisa di progresso e coesione dell’unità nazionale”.
L’obiettivo della Fondazione FS Italiane non è quello di celebrare il passato ma dare impulso nel Paese alla riscoperta della storia delle ferrovie nazionali divulgandone la cultura. Partendo innanzitutto dalla struttura museale di San Giovanni a Teduccio, inaugurata nel 1989 (150° anniversario delle ferrovie italiane), in cui sarà organizzata un’attività di treni storico-turistici.
Le tre società del gruppo FSI conferiranno alla neonata Fondazione circa 200 rotabili del “parco storico operativo”, costruiti nella prima metà del ‘900 ed ancora funzionanti, oltre 50 mezzi storici non in esercizio custoditi nei 50 mila metri quadri complessivi del museo. Tra questi spicca la riproduzione fedele della “Bayard”, il treno inaugurale della prima tratta ferroviaria Napoli Portici del 1939.
Particolarmente importante per la neonata Fondazione sarà la gestione degli archivi storici: migliaia di fascicoli di carattere cartografico e fotografico relativi a progetti di ponti, gallerie e linee ferroviarie; disegni, progetti e immagini fotografiche di locomotive e veicoli storici; la più grande raccolta fotografica e audio-video – anche cinematografica – di tema ferroviario presente oggi in Italia. Collezione, quest’ultima, che già nel 2000 ha ricevuto il riconoscimento del Ministero dei Beni Culturali