Migliorare i sistemi antincendio sulle navi container

container-ship-fire

L’Unione Internazionale dell’assicurazione marittima ha chiesto un migliore sistema antincendio a bordo di navi container, citando la sua preoccupazione che le disposizioni attuali sono insufficienti a causa della crescente dimensione delle navi container e di continui incendi a bordo delle navi.

Recenti esempi di incendi sono quelli di NNCI Arauco (9.000 TEU) nel settembre 2016 durante le operazioni di saldatura, mentre nel novembre 2002 si trovavano a Amburgo, Hanjin Pennsylvania (4.000 TEU), sostenendo la vita di due membri dell’equipaggio e provocando una perdita totale costruttiva; e MSC Flaminia (6.732TEU) nel luglio 2012, con conseguente tre vittime e anche una perdita totale costruttiva.

Nei luoghi remoti e sul mare aperto, può essere spesso ore o anche giorni dopo che un incendio è scomparso prima che arrivi l’assistenza esterna. In linea di principio, solo i rimorchiatori marittimi trasportano le attrezzature necessarie per un’efficace protezione antincendio. Fino a quando non arrivano, l’equipaggio deve contare sulle proprie risorse e il fuoco può diffondersi ampiamente. Di conseguenza, come con la MS Flaminia, può richiedere settimane per portare il fuoco sotto controllo.

Mentre IUMI accoglie espressamente l’emendamento del 2014 alla Convenzione internazionale per la sicurezza della vita sul mare (SOLAS) per aumentare l’efficacia della lotta antincendio, l’associazione ritiene che occorra fare di più.

Helle Hammer, presidente della IUMI Political Forum, ha dichiarato: “I recenti emendamenti a SOLAS sono una mossa nella giusta direzione, ma non vanno abbastanza lontani. I requisiti legali prescritti dal SOLAS sono stati originariamente sviluppati per gli incendi a bordo di navi generali di carico e queste navi sono strutturalmente molto diversi da una nave container, e il carico viene immagazzinato in modo diverso. Crediamo che la modalità di lotta antincendio descritta in SOLAS non sia adatta per una moderna nave container “.

Su navi generali di carico, il carico viene immagazzinato apertamente nei contenitori e quando l’incendio esce, lo spazio aereo all’interno della tenuta si riempie immediatamente di fumo facendo un incendio facile da rilevare. Una volta rilevato un incendio, la detenzione in questione può essere sigillata e la CO2 può essere utilizzata direttamente sul fuoco.

I sistemi di rilevazione antincendio specificati in SOLAS non consentono di rilevare efficacemente gli incendi incipienti in un contenitore, dice IUMI. Per scoprire un incendio, l’aria dalla tenuta, più o meno direttamente sotto il ponte, viene solitamente estratta e passata di fronte a una cella fotoelettrica sul ponte. Se l’aria contiene particelle di fumo, il contatto tra la cella fotoelettrica e la sorgente luminosa opposta viene interrotta e viene attivato un allarme. Perché ciò accada, tuttavia, la tenuta deve essere già piena di fumo fino al livello del coperchio. Su un serbatoio di contenitore, il fuoco sarà già diffuso da questo punto.

L’efficacia della spruzzatura di CO2 nel portello è anche dubbia per due motivi: in primo luogo, con un contenitore chiuso, la CO2 non può agire direttamente sul carico bruciante in quanto non penetrerà attraverso il muro del contenitore. In secondo luogo, se il contenuto di ossigeno del contenitore o del carico è elevato, il CO2 sarà completamente inefficace.

Se il fuoco si sviluppa ulteriormente, è inevitabile che si diffonderà sul ponte. A differenza di un vaso di carico generale, il fuoco che si sparge al carico del ponte su un contenitore container avrà conseguenze ancora più catastrofiche. Ad eccezione della sovrastruttura, non ci sono scomparti naturali sul ponte. A causa della mancanza di attrezzature adeguate, è praticamente impossibile raffreddare il ponte utilizzando acqua.

Inoltre, l’individuazione di un incendio sulla piattaforma è lasciata al caso, dice IUMI. SOLAS non stabilisce che i rilevatori di incendio devono essere montati sul ponte. Un incendio è scoperto solo se viene prodotta una quantità di fumo sensibile, il fuoco provoca suoni che annegano i rumori ordinari della nave o se la fiamma è discernibile.

IUMI sostiene come migliore pratica una proposta presentata dall’associazione tedesca delle assicurazioni GDV. Uwe-Peter Schieder, Prevenzione delle Marche e Perdite, GDV, spiega: “Suggeriamo di creare scomparti individuali di incendio sotto il ponte per evitare che il fuoco si diffonda, questi vani sarebbero dotati di sistemi fissi di combustione di CO2 e di acque basse. sopra la piattaforma per allinearsi con le paratie a raffreddamento ad acqua sotto e dotate anche di sistemi antincendio fissi. Inoltre, si consiglia inoltre l’installazione di sistemi di rilevazione incendi più avanzati “.

I sistemi antincendio a base d’acqua devono essere idonei per raffreddare la struttura del recipiente, compresi i muri di contenimento, le paratie, il ponte del serbatoio, i coperchi, il ponte e il carico. Solo questo raffreddamento supplementare impedirà l’influenza termica negativa del fuoco sulla struttura del recipiente e quindi evita che il fuoco si diffonde ad altri vani di fuoco, afferma GDV. L’approvvigionamento idrico dovrebbe avere una grande capacità per poter fornire contemporaneamente almeno tre scomparti di incendio. Ciò consente di combattere i vigili del fuoco anche in caso di incendio che si diffonde da un vano per incendi a vicini adiacenti.

Per fornire un certo grado di ridondanza, il sistema antincendio a base d’acqua deve essere in grado di operare totalmente indipendentemente dal sistema antincendio CO2. Se non è possibile assicurare che la nave abbia una sufficiente stabilità al danno per ogni situazione di carico, il sistema della pompa di sentina deve essere sufficientemente potente e deve essere progettato in modo da poter disporre di un flusso chiaro e illimitato di acqua fuori dalla tenuta per affrontare in modo sicuro con l’acqua utilizzata per combattere il fuoco, o un sistema antincendio per risparmiare acqua, ad esempio deve essere usata la nebbia dell’acqua fine. In quest’ultimo caso, la copertura del portellone potrebbe essere scaricata con acqua come “serbatoio” per dissipare il calore. Le “acque reflue” sarebbero scese sopra il ponte.

Tuttavia, l’uso di antincendio con acqua è preferibile, dice GDV. L’esperienza passata ha dimostrato che gli incendi possono essere estinti solo se la rispettiva sezione è inondata di acqua.

Secondo GDV, tutte le sovrastrutture della nave devono essere protette davanti e dietro contro gli effetti delle fiamme e del calore mediante tende d’acqua efficaci. Le sovrastrutture costituiscono un confine del vano fuoco e forniscono un rifugio per l’equipaggio. Inoltre ospitano le attrezzature tecniche per il funzionamento sia della nave che dei sistemi antincendio.

Per essere in grado di attaccare o raffreddare gli incendi da una distanza sicura con grandi quantità di acqua, i monitor devono essere installati sui lati anteriori e posteriori delle sovrastrutture, come su tutte le altre strutture di confine del vano fuoco. Anche le attrezzature di salvataggio come le imbarcazioni di salvataggio e le zattere di salvataggio devono essere protette dalle proprie tende d’acqua che possono essere attivate su richiesta.