• 23 Luglio 2024 05:39

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

PSA presenta il bilancio di Sostenibilità 2022

Aumento del valore indotto sui territori di Veneto e Liguria pari al 4% rispetto al 2021. Ambiente: il 100% di energia elettrica acquistata dai tre terminal proviene da fonti rinnovabili

PSA presenta il bilancio di Sostenibilità 2022: come per l’anno scorso, il report prende in considerazione tutti gli aspetti ambientali, sociali ed economici di tutti i terminal del gruppo PSA in Italia, testimoniando l’importanza di fare impresa in modo sostenibile e responsabile, avendo sempre presente e radicato nella strategia di business il territorio in cui operano le tre aziende.

Larga parte del rapporto si concentra sui numeri di PSA in Italia, che riunisce le attività del gruppo di Singapore: PSA Genova Pra’ e PSA SECH nel Porto di Genova, e PSA Venice-Vecon nel Porto di Marghera.

Tra i risultati evidenziati quello dell’occupazione, con 993 dipendenti diretti totali, + 2,2% rispetto al 2021, di cui il 95% è residente o domiciliato nelle province di riferimento dei terminal stessi. A questo elemento, significativo e portatore di ricchezza in termini di occupazione e di attenzione al territorio, si aggiunge il dato relativo alla ricaduta economica delle attività del terminal, pari a 107M di euro spesi in totale per approvvigionamenti, di cui il 67% spesi in Liguria e Veneto, e con un aumento del valore indotto sul territorio del +4% rispetto all’anno precedente.

PSA evidenzia, dati alla mano, il supporto costante alle attività produttive, contribuendo allo sviluppo dell’imprenditorialità e alla creazione di lavoro dignitoso nei territori di appartenenza ricorrendo ove possibile a fornitori locali: nel corso del 2022, il numero totale di fornitori con i quali sono stati intrattenuti rapporti commerciali ammonta a 1.106 soggetti per PSA Italy, 599 coinvolti da PSA Genova Prà e PSA SECH e i rimanenti 507 da PSA Venice-Vecon.

PSA Italy ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissata di garantire l’allungamento della catena del valore grazie all’avvio di partnership in termini di servizi logistici integrati e di servizi ferroviari, in atto di consolidamento nel 2023.

Tra i principali risultati raggiunti in tema ambientale, merita citare innanzitutto l’abbattimento delle emissioni CO2 pari all’84% nel 2022 del treno Southern Express rispetto al trasporto su gomma, e il contestuale incremento del 38% di traffici rispetto al 2021, in linea con gli obiettivi sposati da PSA in tema di riduzione delle emissioni di CO2 del 50% entro il 2030, del 75% entro il 2040, per arrivare a 0 emissioni entro il 2050.

In continuità con gli obiettivi energetici prefissati, PSA Italy usa energia rinnovabile, ovvero il 100% di energia elettrica acquistata dai tre terminal proviene da fonti rinnovabili. Risultato soddisfacente anche sotto il profilo del trattamento dei rifiuti avviati al recupero nei terminal PSA Italy, che passa dell’86,8% del 2021 al 90,7% del 2022.