• 23 Luglio 2024 05:38

Seareporter.it

Quotidiano specializzato in politica dei trasporti marittimi

Controlli della Guardia Costiera di Genova in materia di pesca, traffico Internazionale di rifiuti e sulla viabilità

Genova – Nell’ambito dei controlli effettuati nel periodo marzo – giugno 2024, i militari della Guardia Costiera di Genova hanno svolto una serie di controlli ed ispezioni appositamente finalizzate a verificare il rispetto delle norme di viabilità entro portuale, vigilanza e controlli in materia di pesca, nonché in materia di tutela ambientale, sia lungo la costa che nelle zone industriali dell’entroterra estendendosi fino alle rive del Lago Maggiore. Nel corso delle varie operazioni sono stati controllati automezzi commerciali, per lo più autocarri carichi di merce di vario tipo e diverse autovetture private, tutti diretti all’imbarco su navi con destinazioni nazionali ed estere e cantieri navali.

L’attività ha consentito di accertare un illecito per guida senza patente con relativi sanzione e fermo amministrativo del veicolo, sono state inoltre contestate N° 14 illeciti per la circolazione su strada con veicoli aventi carico superiore a quello consentito per un totale di circa 12000 euro.

L’attività ambientale in materia di controlli sul traffico di rifiuti, scarichi dei reflui di depurazione, vigilanza pesca, commercio e somministrazione di prodotti ittici nonché sulla nautica da diporto svolta lungo le coste del litorale genovese e del Lago Maggiore nelle provincie di Verbania e Novara, ha condotto ad altrettanti importanti risultati con un totale di 130 ispezioni tra cantieri, depuratori e pescherie e l’accertamento di 8 reati per abusiva occupazione demaniale, 1 reato per deposito incontrollato di rifiuti con relativo sequestro penale di circa 85 m3 di rifiuti, n° 13 illeciti amministrativi per la violazione delle norme in materia di informazione ai consumatori in materia di alimenti ed in materia scarichi e gestione dei rifiuti con il sequestro di 1000 sacchetti di plastica non conformi alla normativa, elevando sanzioni per un per valore totale compreso tra 60.000 e 100.000 €.