Venezia ospita delegazione del Giappone

visita Wave_Venezia

L’Autorità Portuale di Venezia ha ricevuto oggi una delegazione di WAVE (Waterfront Vitalization and Environment Research Foundation) composta di un team di studiosi giapponesi alla ricerca di best practice sul recupero del waterfront e sulla compatibilità ambientale.  Un’iniziativa organizzata con JCCA (Japan Civil Engineering Consultants Association) e diretta dal Prof. Hideo Nakamura, Presidente dell’università di Tokyo in collaborazione col Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti del Sol Levante. “Il Giappone vede il porto di Venezia come un gateway natale per i traffici merci provenienti dall’Asia e il primo porto di riferimento per le crociere nel Mediterraneo. Per queste sue peculiarità e per la capacità di conciliare lo sviluppo cittadino con la fragilità della laguna abbiamo deciso di farvi visita. Il nostro obiettivo è studiare approfondire tutte le tematiche ambientali e di sviluppo portuale che avete applicato e, ci auguriamo, di poter carpire il vostro «segreto»”, ha dichiarato  il prof. Takeshi Kawashima, presidente della WAVE. Nel corso dell’incontro i tecnici dell’Autorità Portuale hanno presentato agli studiosi i piani di sviluppo dello scalo veneziano sotto il punto di vista logistico (la trama delle infrastrutture europea e il nuovo layout che i porti dovranno assumere nel futuro), urbanistico (la gestione del cambiamento a livello territoriale e urbano per costruire una vera integrazione tra porto e città) e ambientale (la gestione delle esternalità e le soluzioni identificate per Venezia).