Ucina: “imbarco ufficiali a rischio”

epa05560287 An officer takes a photo of one of the yachts being exhibited in the Monaco Yacht Show, moored up at Port Hercules, Monaco, 28 September 2016. The exhibition is one of the biggest European Yachting conventions and runs from 28 September until 01 October 2016.  EPA/SEBASTIEN NOGIER

Una circolare delle Capitanerie di porto rischia di far tornare sui banchi di scuola migliaia di ufficiali di navigazione. È quanto denunciato da Ucina circa gli effetti retroattivi previsti da un atto amministrativo sui titoli marittimi emanato dal VI Reparto del Comando Generale delle Capitanerie di porto che prevede, pena il mancato rinnovo dei certificati che abilitano alla professione, il ritorno sui banchi di scuola per un corso di 300 o 500 ore. “Questa soluzione – spiega Ucina – è stata motivata dal fatto che dopo averli diplomati anche molti anni fa è stata rilevata l’incompletezza dei programmi formativi”. La disposizione “rischia di far perdere l’imbarco a migliaia di ufficiali e comandanti ponendoli in una situazione molto seria per quelli del settore yachting che vedono la stagione lavorativa compressa nei mesi estivi saltando i quali rimarrebbero senza lavoro per l’intero anno salvo l’evidente probabilità di essere rimpiazzati”. Ucina e ItalianYachtMasters “fanno appello alla sensibilità del Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, affinché si trovino soluzioni più eque, anche in considerazione che quelle competenze eventualmente mancanti sono state ormai ampiamente sanate dalle funzioni svolte in mare”.