Trasportounito, blocco dei porti sardi contro il rincaro delle tariffe

autotrasporto

Longo: “I nuovi aumenti del 10% sopprimono la Sardegna”

Inaccettabili, insopportabili, insostenibili. Così Maurizio Longo di Trasportounito giudica i nuovi aumenti di tariffa decisi dagli armatori che gestiscono servizi di traghetti da e per la Sardegna. È il caso, ad esempio di Tirrenia-Cin che “dopo aver aumentato i noli a gennaio dell’8%, azzerando gli sconti, ha ora comunicato che, in adeguamento alla convenzione sottoscritta con l’amministrazione ministeriale, provvederà ad un ulteriore aumento a giugno p.v. di circa il 10 %”.  Questi aumenti (in media del 10%) non colpiscono solo l’autotrasporto, di per sé impossibilitato a rivalersi sui committenti, ma “sono destinati ad annientare l’economia, o quello che resta, dell’economia della Sardegna”. “L’incidenza di questi aumenti sul costo finale del trasporto e quindi in percentuale sul valore delle merci è spropositata – denuncia Longo – e affossa in modo definitivo quella continuità territoriale che dovrebbe essere garantita alla Sardegna”. Da qui la richiesta di “intervento immediato” delle Istituzioni. “In assenza di misure urgenti, esisterà una sola strada percorribile. Quella del blocco totale dei porti in Sardegna senza escludere la possibilità di attuare analoghi blocchi anche e negli scali in continente”. Il Coordinatore Trasportounito Sardegna, Piero Muscas ha già richiesto l’intervento immediato del Presidente della regione Sardegna e dell’Assessore regionale ai Trasporti in particolare verso il Ministero dei Trasporti, al fine di rivedere gli accordi in convenzione.  “Il problema – sottolinea Trasportounito – non è solo della compagnia Tirrenia in quanto anche Moby ha alzato le tariffe di circa il 4,5% per rotta da febbraio 2013”.

Ecco alcuni esempi dei rincari già decisi:

Linea Cagliari-Livorno: nel 2011 il costo del trasporto marittimo di un semirimorchio (12,5 metri lineari) da Cagliari a Livorno era di  315 euro. Nel 2013 a Giugno arriverà a costare 477 euro. Un aumento di quasi il 50 % del nolo.

Linea Cagliari-Civitavecchia: marzo 2013 il costo del trasporto marittimo per i vuoti era di 20,41 per metro lineare a giugno diventerà 22,99 euro con un incidenza in aumento del 10 %.  Per i pieni era di 26,88 euro per metro lineare contro i 29,40 euro di giugno p.v. (+10 %).