Sportello unico anche a Livorno, Genova e La Spezia

agenzia delle dogane

Sportello unico doganale attivo anche nei porti di Livorno, Genova e La Spezia. La fase di sperimentazione operativa, avviata l’11 febbraio a Ravenna e proseguita nei porti di Civitavecchia, Napoli, Venezia e negli aeroporti di Capodichino, Linate, Malpensa, Venezia, ha consentito di mettere a punto sia il dialogo telematico tra amministrazioni e operatori sia gli aspetti organizzativi correlati. Lo sportello, sottolinea l’Agenzia delle Dogane, consentirà un colloquio diretto tra le amministrazioni e gli altri soggetti coinvolti nelle operazioni di import/export. L’obiettivo è il miglioramento del processo complessivo attraverso la riduzione dei tempi necessari per lo svincolo delle merci e i costi sopportati dalle imprese. “Prima dell’avvio dello sportello unico – spiega l’Agenzia –  l’operatore doveva depositare una richiesta al Ministero della Salute, che eseguiva i controlli di rito e se del caso ispezionava la merce, rilasciando il nulla osta. Solo a questo punto poteva presentare la dichiarazione alla dogana che, dopo averne valutato il rischio, procedeva agli eventuali controlli prima dello svincolo. Oggi le due fasi sono contestuali: ricevuto dal ministero della Salute il codice prenotazione relativo alla richiesta presentata dall’operatore via e-mail, quest’ultimo può trasmettere immediatamente la dichiarazione doganale”. A breve lo strumento dello sportello unico sarà utilizzato dagli altri 17 enti coinvolti, a vario titolo, nei controlli delle operazioni di import/export. Nel 2012, su un totale di 15 milioni di dichiarazioni, i tempi di svincolo doganale oscillano tra 12 secondi e 5 minuti nel 95,8% dei casi.