Sicurezza nei porti, Uiltrasporti per l’adeguamento della normativa

port_trieste03

“Nonostante i gravissimi incidenti di questi ultimi mesi che si aggiungono tristemente ad un bilancio che sembra non aver mai fine, finora ancora non si sono ripresi i Tavoli di confronto per l’adeguamento delle normative 271 e 272 sulla sicurezza portuale e marittima”. È quanto denunciano i Segretari nazionali Uiltrasporti, Marco Odone  e Paolo Fantappiè. “Prima che si ripetano altre improvvise per quanto annunciate tragedie per il perdurare del mancato adeguamento normativo – sottolinea una nota di Uiltrasporti – è necessario che il Governo ed i Ministeri competenti  riaprano urgentemente i Tavoli, che sembrano caduti nel dimenticatoio, nonostante gli incidenti che quotidianamente si verificano nei porti e sulle navi”. Tra le richieste, oltre alla ripresa dei Tavoli interrotti, “un lavoro congiunto che armonizzi la sicurezza tra la terra e il bordo”. “Infine – conclude la nota – è necessario  implementare un sistema che preveda più controlli e più ispezioni da parte degli organi di vigilanza ”.