Shanghai, cinque traghetti G4 per Atlantic Container Line

DSC_51962

Comincia la costruzione della nuova flotta della compagnia del Gruppo Grimaldi

Più grandi, più veloci, più verdi, più efficienti. Sono i nuovi cinque traghetti G4 di Atlantic container Line, compagnia del Gruppo Grimaldi, la cui costruzione è cominciata nei cantieri Hudong Zhonghua nei pressi di Shanghai. Le nuove unità avranno una capacità di 3.800 teu, 28.900 metri quadri di aree ro-ro, 1.307 posti per veicoli. Con una velocità superiore del 10% rispetto consumeranno il 50% in meno per teu trasportato. Tutta la fase di costruzione sarà supervisionata da Rina e American Bureau of Shipping. Con un investimento di circa 400 milioni di euro i Roro/containerships G4 entrano nella fase di realizzazione dopo cinque anni di pianificazione e saranno consegnati tutti nel 2015, a partire dal mese di gennaio. Alla cerimonia del taglio della lamiera, operazione che da il via definitivo alla costruzione, erano presenti il presidente ed il Ceo della Acl, Andrew J. Abbott ed Henrik Karle, insieme al direttore tecnico aziendale della Grimaldi, Paolo Satariano, e al Project Manager per nuove navi del gruppo, Pierluigi Marmo. Fondata nel 1967 ACL, specializzata nel trasporto container, carichi eccezionali, attrezzature pesanti e veicoli, è un operatore leader nelle rotte nord atlantiche. Cinque i servizi offerti ogni settimana verso 16 porti in Nord Europa, Stati Uniti e Canada. Nel 2001, dopo l’acquisto da parte del Gruppo Grimaldi, la società ha iniziato ad offrire servizi di trasporto per container e merci rotabili tra il Nord America, l’Africa Occidentale, il Mediterraneo ed il Sud America.