Sesta unità Fremm per Fincantieri

fremm

Prosegue il programma  di difesa navale italo-francese

Si è svolta, presso lo stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso (Sestri Levante, Genova), la cerimonia per il taglio della prima lamiera della sesta unità Fremm. Prosegue così il programma di costruzione delle Fregate Europee Multi Missione, la più importante iniziativa congiunta finora attivata tra industrie europee nel settore della Difesa navale. L’unità, che sarà consegnata all’inizio del 2017, sarà lunga circa 144 metri, larga 19,7, e avrà un dislocamento a pieno carico di circa 6.500 tonnellate.  Potrà raggiungere una velocità superiore ai 27 nodi e imbarcare un equipaggio di 145 membri, con una disponibilità di 200 posti letto. Si caratterizzerà per un’elevata flessibilità d’impiego e avrà la capacità di operare in molteplici scenari, particolarmente nell’ambito della sicurezza del bacino mediterraneo. Il programma Fremm vede la partecipazione in qualità di prime contractor per l’Italia di Orizzonte Sistemi Navali.  Attualmente il programma per l’Italia prevede la costruzione già confermata di sei unità e di ulteriori quattro unità in opzione ancora da esercitare.

La nuova unità sarà più lunga di 3,5 metri rispetto al progetto iniziale. L’allungamento dello scafo, che sarà applicato anche alle unità già operative, è stato annunciato alla fine del 2012. “Questo consentirà di migliorare l’impiego degli elicotteri AgustaWestland EH-101 in condizioni limite, oltre ad ampliare gli spazi e i volumi interni, a vantaggio dell’autonomia di missione e della logistica”, ha spiegato l’ammiraglio ispettore capo Ernesto Nencioni, direttore generale degli armamenti navali presso il Ministero della Difesa.