SECONDO GIORNO DI CONVEGNI ED EVENTI AL 57°SALONE NAUTICO

convegno-salone

PRESENTATO IL PROGETTO SISTEMA LIGURIA WORK IN BLUE

IV CONFERENZA DEL TURISMO COSTIERO

DORINA BIANCHI, SOTTOSEGRETARIO DEL MIBACT: IL PAESE DEVE PUNTARE ASSOLUTAMENTE SU EVENTI INTERNAZIONALI COME IL SALONE NAUTICO DI GENOVA

BATTISTI, PRESIDENTE FEDERTURISMO: “LA NAUTICA E’ IL COMPARTO CON LA MAGGIOR CAPACITA’ DI GENERARE RICCHEZZA”

PEROCCHIO: “E’ NECESSARIO FARE CHIAREZZA SULLA NORMATIVA E RIMEDIARE ALL’ERRORE DEI CANONI DEMANIALI”

Le nuove strategie di sviluppo delle economie costiere a confronto, con uno sguardo all’Unione Europea. Da queste considerazioni è partita la IV Conferenza sul Turismo costiero organizzata da UCINA Confindustria Nautica in collaborazione con Federturismo Confindustria presso la sala ForumUCINA. La tavola rotonda ha affrontato l’andamento del turismo costiero, i trend del turismo nautico, le principali problematiche di settore, il delicato tema della riforma delle concessioni demaniali, anche alla luce dei lavori parlamentari del Ddl Delega.

Ha aperto i lavori Piero Formenti, vice presidente di UCINA Confindustria Nautica e Presidente EBI (European Boating Industry): “UCINA è orgogliosa che Federturismo abbia scelto Genova e il Salone Nautico per tenere questa IV Conferenza sul turismo costiero e marittimo. Il tema principale trattato sarà quello del turismo nautico e balneare”.

Ha proseguito il sen. Mucchetti, Presidente Commissione industria commercio e turismo del Senato: “Il settore nautico, nel corso degli anni, ha dovuto affrontare due grandi problemi: la recessione del 2012/2013 e una legislazione sfavorevole che colpiva queste attività aumentando le imposte sulla nautica. Il Governo e il Parlamento sono riusciti ad attuare delle iniziative positive al riguardo, come il Jobs Act che ha garantito una maggiore flessibilità nel lavoro e di conseguenza nel settore turistico, e l’industria 4.0, che presto cambierà nome e diventerà “impresa 4.0” per includere tutte le realtà. Per il futuro è necessario evitare di compiere nuovamente gli errori commessi durante il Governo Monti”.

Gianfranco Battisti, Presidente Federturismo Confindustria, ha quindi proseguito: “La nautica è il comparto con la maggiore capacità di generare ricchezza – ha dichiarato il Presidente di Federturismo Gianfranco Battisti – in cui ogni 1000 euro investiti nel settore mettono in moto una produzione nel turismo nautico di 4.560 euro. Un settore in ripresa che nei prossimi anni  avrà ampi margini di crescita  e che, in un clima di ritrovata fiducia, richiede di essere adeguatamente valorizzato rafforzando le reti infrastrutturali e avviando adeguate politiche di  sviluppo”.

“Nonostante nel 2017 vi sia stato un leggero incremento (+4%5%) del giro d’affari dei porti turistici italiani e una crescita di utilizzo delle imbarcazioni – ha dichiarato Roberto Perocchio, Presidente Assomarinas e Chairman ICOMIA (International Council of Marine Industry Associations),  – dovremo ancora attendere il 2018 per una ripresa più consistente, rimanendo comunque a tutt’ oggi  al 25% al di sotto dei livelli pre-crisi.

Per un reale recupero degli investimenti è necessario, dopo 10 anni di battaglie legali e ricorsi,  fare chiarezza sulla legge 296/2006 e sull’errore dei canoni demaniali retroattivi per i porti turistici. In merito alla Bolkestein siamo convinti che non debba essere applicata al nostro settore come precisato dalla successiva direttiva concessioni del 2014”.

Dopo l’intervento di Stefano Zunarelli, Zunarelli Studio Legale Associato, Marco Scajola, Assessore Urbanistica della Regione Liguria, ha ricordato come “a livello europeo bisogna tutelare i nostri interessi, dobbiamo difendere il nostro territorio semplificando una normativa che in Italia è penalizzante mentre all’estero è favorevole al turismo costiero”.

Le conclusioni saranno affidate al Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dorina Bianchi: “Le fiere sono eventi fondamentali per la promozione anche della filiera turistica in Italia, il Paese deve puntare assolutamente su eventi internazionali come il Salone Nautico di Genova. Il turismo cresce molto di più del Paese, quello marittimo costiero molto di più del terrestre, quello nautico più del cluster del mare. Un dato fondamentale considerando che il comparto turistico genera il 12% del PIL”.

Il Sottosegretario ha preso parte, inoltre, alla Conferenza Stampa del MIBACT dal titolo “La seduzione dell’artigianato: il bello e il ben fatto del made in Italy” moderata da Klaus Davi.

E’ stato presentato inoltre, ad apertura del convegno, il progetto Sistema Liguria Work in Blue, progetto finanziato da Regione Liguria e cofinanziato dall’Unione Europea per favorire l’occupazione di giovani e adulti disoccupati nel settore dell’economia del mare.

Nell’occasione è stato inoltre sottoscritto l’accordo che da vita al progetto Blue Academy tra Opera Diocesana Madonna dei Bambini – Villaggio del Ragazzo, rappresentata dall’Amministratrice Giovanna Tiscornia, UCINA Confindustria Nautica con la Presidente Carla Demaria e Assomarinas nella persona del Presidente, Roberto Perocchio.