Salerno presenta attrazioni e prodotti tipici ai crocieristi

stazione marittima salerno

Presentare, promuovere e valorizzare le attrazioni ed i prodotti di Salerno per la vasta platea dei turisti che da tutto il mondo giungono nel capoluogo a bordo della navi da crociera. È lo scopo dell’accordo tra Comune, Autorità portuale, Ente Provinciale  del Turismo, Camera di Commercio e associazioni di categoria che nel corso della stagione crocieristica 2013 metterà a disposizione dei turisti sbarcanti dalle navi un punto di presentazione, degustazione e vendita dei prodotti made in Salerno.

“Compiamo un ulteriore e decisivo passo per perfezionare l’offerta della città turistica, che ormai è nata ed è sotto gli occhi di tutti”, ha spiegato il sindaco De Luca nel corso della cerimonia di firma del protocollo d’intesa. “Salerno è oggi l’unica città italiana in cui si sta realizzando un progetto consapevole di trasformazione. Un disegno che si esplica attraverso il perseguimento di due obiettivi paralleli: da un lato la creazione della città turistica, dall’altro la realizzazione di tutte le infrastrutture necessarie per la valorizzazione della risorsa mare in tutte le sue componenti”.

L’obiettivo, già annunciato dal presidente dell’Ap Andrea Annunziata in varie occasioni, è raddoppiare il traffico turistico nei prossimi anni. Attraverso una serie di interventi infrastrutturali, già in corso, che permetteranno allo scalo di ospitare le grandi navi da 5 mila passeggeri. E senza dimenticare la nuova Stazione Marittima in via di ultimazione entro la fine di quest’anno.

Ma Salerno lavora anche per attrezzarsi nel campo della balneazione. A breve, anticipa De Luca, partiranno i lavori per il ripascimento della fascia costiera da Mercatello fino al Comune di Pontecagnano. La città infatti si è candidata ad ottenere fondi europei per lavori di difesa del litorale di Torrione e del centro città per la realizzazione di una spiaggia lunga 7 Km. “A tutto questo leghiamo il futuro economico di Salerno, l’unico futuro possibile per chi vuole vivere e lavorare in questa città2 conclude De Luca.