Roberto Danovaro, nominato membro dell’Accademia Europea delle Scienze

Roberto Danovaro, biologo marino, docente dell’Università Politecnica delle Marche e Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn, è stato nominato membro dell’Accademia Europea delle Scienze (Academia Europaea) nella Sezione “Biologia degli organismi ed evoluzione”.

Si tratta della più importante e rinomata Accademia scientifica europea che conta, o ha contato, al proprio interno ben 85 premi Nobel in tutti i settori delle scienze.

L’Accademia ha come obiettivo il progresso scientifico e l’eccellenza della ricerca a livello europeo nelle borse di studio nelle scienze umane, giuridiche, economiche, sociali e politiche, matematica, medicina e tutte le branche delle scienze naturali e tecnologiche in tutto il mondo con un fine di pubblico beneficio e interesse. L’Accademia contribuisce con propri studi e documenti alla definizione delle politiche della ricerca e alla identificazione delle soluzioni necessarie per superare le difficoltà che vive l’unione europea.

In questo ambito il mare appare essere, sempre più, un settore strategico sia dal punto di vista scientifico sia socio-economico. Roberto Danovaro è il primo biologo marino italiano a essere nominato membro dell’Accademia Europea delle Scienze che conta complessivamente 5 esperti nel settore mare a livello mondiale.

Oltre il Prof Danovaro, è stata nominata membro dell’Accademia in questa area scientifica solo un’altra ricercatrice italiana, la neurobiologa Nicole Soranzo recentemente rientrata allo Human Technopole di Milano dopo anni di ricerca e docenza presso l’Università di Cambridge.

Roberto Danovaro dichiara: “Si tratta di un importante riconoscimento che mi onora, ma che soprattutto riconosce l’importanza e la qualità della ricerca marina italiana. L’Italia, che oggi guida anche il partenariato europeo per la economia sostenibile del mare, ha uno straordinario capitale umano di ricercatori e ricercatrici di altissimo livello. Sono fiducioso che questa capacità possa esprimersi anche con l’individuazione di soluzioni capaci di promuovere lo sviluppo sostenibile dell’economia del mare”.

“In passato – aggiunge – ha fatto parte di questa accademia anche Giorgio Bernardi, già presidente della Stazione Zoologica e scienziato di fama mondiale. E questa cosa mi rende ancora più orgoglioso di essere stato chiamato a far parte di questa comunità”.