Ravenna, oltre 22 milioni per la connessione ferroviaria

port_ravenna02

Un “pacchetto” da 22,6 milioni di euro per quattro interventi, destinati a migliorare nei prossimi anni l’accessibilità al porto di Ravenna tramite ferrovia e a “connetterlo” alle grandi reti infrastrutturali europee. E’, in sintesi, quanto prevede il Protocollo siglato da Regione, Rete ferroviaria italiana (Rfi), Comune e Autorità portuale.  L’accordo impegna i sottoscrittori a prolungare la dorsale ferroviaria di collegamento tra la stazione fino al nuovo terminal container, a sopprimere il passaggio a livello di via Canale Molinetto e realizzare il sottopassaggio sostitutivo; a prolungare il sottopassaggio pedonale della stazione oltre i binari fino all’area della darsena in prossimità del canale Candiano. Infine, verrà ricostruito il cavalcavia “Teodorico” con una nuova sagoma che consentirà il passaggio dei treni caricati con container di grandi dimensioni (High Cube), dei semi-rimorchi e della cosiddetta “Autostrada viaggiante” (Tir fino a 4 metri di altezza, completi di motrice e rimorchio, caricati su speciali carri merci). “Gli interventi che andremo a realizzare – ha spiegato il presidente regionale Bonaccini – avranno ricadute positive per la quotidianità del porto e della città, per la mobilità e la logistica, ma anche per l’occupazione: i cantieri significano lavoro per le imprese e per le persone. Quest’infrastruttura, la sua funzione strategica per l’Emilia-Romagna, l’Adriatico e l’Europa, sono per noi una priorità indiscussa”.  Le risorse destinate dai soggetti sottoscrittori agli interventi (22,6 milioni di euro circa) sono ripartite fra Rfi (11,5 milioni), Comune di Ravenna (100mila euro) e Autorità portuale (6 milioni); all’Unione europea verrà richiesto un contributo del 30% su uno degli interventi (circa 5 milioni di euro). Fabrizio Matteucci, sindaco di Ravenna, ha sottolineato come queste opere “siano strategiche, oltre che per lo sviluppo della portualità e del trasporto su ferro, e rappresentino una risposta importante sul tema del collegamento del porto con la città. In particolare, il nuovo sottopasso della stazione ferroviaria che, in base al protocollo siglato oggi, verrà prolungato fino al piazzale Aldo Moro, contribuirà ad ‘avvicinare’ il nuovo quartiere della Darsena al resto della città”. Nel dettaglio, per l’intervento 1 (dorsale ferroviaria nel nuovo terminal container), l’Autorità portuale stanzierà circa 1 milione di euro, mentre RFI fornirà binari e traverse. Per l’intervento 2 (sottopasso carrabile della ferrovia, di via canale Molinetto) è previsto un investimento complessivo di 15 milioni di euro, di cui 5 da parte dell’Autorità portuale e altrettanti da RFI e dall’UE. All’intervento 3 (sottopasso pedonale di stazione – prolungamento), verranno destinati 1,4 milioni da RFI e circa 100mila euro dal Comune; infine, per l’intervento 4 (cavalcavia “Teodorico”) Rfi stanzierà circa 5 milioni di euro. Per tutti i quattro interventi il coordinamento e la promozione per l’ottenimento delle risorse europee verrà svolto dalla Regione Emilia-Romagna.