Ravenna, accordo operativo per accessibilità ferroviaria del porto

ravenna

Firmato l’Accordo operativo protocollo attuativo per la realizzazione di interventi migliorativi dell’accessibilità ferroviaria del porto di Ravenna tra Rete Ferroviaria Italiana spa (RFI), Regione Emilia-Romagna, Comune di Ravenna e Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centro-settentrionale. L’accordo ha l’obiettivo di valorizzare il porto di Ravenna – terminale meridionale del Corridoio Baltico-Adriatico e del Mediterraneo, presente nella ristretta lista dei 14 core-ports europei, nonché uno dei nodi principali della piattaforma logistica regionale – attuando opere fondamentali per l’accessibilità e lo sviluppo dello stesso, e riguarda la realizzazione di tre interventi strategici per il valore complessivo di 21 milioni:

Il prolungamento della dorsale ferroviaria di raccordo in destra Candiano
Per quest’opera RFI svolgerà la funzione di soggetto tecnico nelle fasi di progettazione e realizzazione dell’intervento in accordo con l’Autorità Portuale, il Comune e la Regione; l’Autorità Portuale svolgerà la funzione di committente nella fase di progettazione e realizzazione, mettendo a disposizione il finanziamento pari a 1 milione; il Comune elaborerà in collaborazione con RFI la nuova viabilità stradale cittadina nella zona dorsale destra Candiano per consentire la realizzazione del prolungamento dell’asta.

Il sottopassaggio ferroviario carrabile sostitutivo del passaggio a livello di via Canale Molinetto
Per quest’opera RFI svolgerà la funzione di committente nella fase di progettazione e realizzazione, contribuendo economicamente per una quota pari a 10 milioni; l’Autorità Portuale contribuirà economicamente per una quota pari a 5 milioni; il Comune progetterà e realizzerà a propria cura e spese le opere di adeguamento degli accessi stradali del sottopasso, compresi gli interventi di rimodulazione della viabilità circostante.

L’adeguamento del cavalcavia Teodorico
Per quest’opera RFI svolgerà la funzione di committente nella fase di progettazione e realizzazione, mettendo a disposizione il finanziamento stimato pari a 5 milioni; l’Autorità Portuale condividerà preliminarmente le tempistiche dell’eventuale chiusura del cavalcaferrovia; il Comune collaborerà con RFI in modo da minimizzare l’impatto sulla viabilità cittadina nel periodo di chiusura totale del cavalcaferrovia.

La Regione si impegna per tutte le opera a effettuare un’azione di coordinamento tra i soggetti interessati e a promuovere il porto di Ravenna nelle opportune sedi nazionali ed europee. Inoltre tutti i soggetti firmatari dell’accordo, al fine di migliorare l’accessibilità alle aree raccordate alla rete ferroviaria s’impegnano a formulare uno studio per individuare un’ipotesi progettuale che, oltre a razionalizzare i binari dell’impianto di Ravenna, garantisca un collegamento ferroviario diretto tra le dorsali sinistra e destra Candiano.