Programma LCS, esercitata opzione per la LCS 25

LCS3

La US Navy ha assegnato il contratto per l’11esima unità

Nell’ambito del programma Littoral Combat Ship (LCS) della US Navy, il consorzio di cui fanno parte Fincantieri, tramite la sua controllata Fincantieri Marinette Marine (FMM), e Lockheed Martin Corporation, si è aggiudicato, a seguito dell’esercizio dell’opzione da parte della US Navy, il contratto per la costruzione di una LCS della classe “Freedom”, interamente finanziata, la cui consegna è prevista per il 2020. Il contratto prevede il finanziamento per la costruzione della piattaforma, per l’integrazione dei sistemi e per le fasi di collaudo. LCS 25 sarà dunque l’undicesima unità della classe “Freedom” ordinata nell’ambito del piano originale del 2010, in aggiunta alle due unità LCS consegnate prima del 2010. Le altre 10 navi, già consegnate o in produzione, sono: “Milwaukee” (LCS 5), “Detroit” (LCS 7), “Little Rock” (LCS 9), “Sioux City” (LCS 11), “Wichita” (LCS 13), “Billings” (LCS 15), “Indianapolis” (LCS 17), “St. Louis” (LCS 19), “Minneapolis/St. Paul” (LCS 21) e “Copperstown” (LCS 23). Il programma LCS è stato assegnato nel 2010 a FMM, nell’ambito della partnership tra Fincantieri e Lockheed Martin, leader mondiale nel settore della difesa. La classe “Freedom” è uno dei principali programmi di costruzione navale per la Marina degli Stati Uniti e costituisce una nuova generazione di navi multiruolo di medie dimensioni, progettate per attività di sorveglianza e difesa costiera, per operazioni in acque profonde e per diversi tipi di missioni nell’ambito della difesa da minacce di tipo “asimmetrico” quali mine, sottomarini diesel silenziosi e navi di superficie veloci. 2 LCS della classe “Freedom” sono state impiegate con successo nel Pacifico occidentale, una terza è stata consegnata, mentre altre 7 sono in costruzione.