Primo semestre 2019. Traffici in crescita per i porti AdSP del Mar Tirreno Centrale

veduta-porto

Napoli, 26 luglio 2019 – Nel corso del primo semestre del 2019 i porti dell’ AdSP del Mar Tirreno Centrale hanno registrato, complessivamente, traffici in crescita rispetto al primo semestre del 2018, sia nel segmento dei passeggeri sia in quello delle merci.

All’interno di questo andamento vanno segnalate differenziazioni di carattere territoriale o congiunturale. Il traffico passeggeri è cresciuto, nel primo semestre del 2019, del 3,5 %, mentre il settore delle crociere ha fatto registrare un incremento del 20,3%. Nel segmento dei passeggeri si segnalano in particolare le dinamiche positive di Salerno  (+ 16,8 %) e di Castellammare (+ 7,9 %), mentre Napoli registra un aumento del 22,2% nel traffico crocieristico.

Nei porti della Campania il traffico merci, espresso in tonnellate, cresce, rispetto al primo semestre del 2018, dell’ 1,8 %, con una punta positiva nelle merci varie in colli (+ 2,5%) ed una negativa nelle rinfuse liquide (- 1,7 %).

Il traffico dei contenitori, espresso in Teu, aumenta del 9,2 %, con una dinamica fortemente divaricata tra il porto di Napoli, che registra un incremento del 26,7 %, ed il porto di Salerno, che segna un arretramento del 10,8 %.

La realizzazione dei dragaggi anche a Salerno consentirà di determinare condizioni di riequilibrio competitivo.

Nel traffico dei veicoli commerciali, concentrato nel porto di Salerno, si registra un forte arretramento delle unità movimentate (- 30,6 %), dovuto alla dinamica congiunturalmente negativa del settore auto.

Il traffico Ro-Ro presenta una dimensione complessivamente positiva (+1,6 %), con una crescita significativa nel porto di Salerno (+ 6 %), bilanciata da un arretramento in questo segmento del porto di Napoli (- 2,2 %).

“ In una linea di tendenza ancora in crescita complessivamente- ha dichiarato il Presidente Pietro Spirito – si segnalano da un lato segmenti di traffico in crisi congiunturale e dall’altro interventi di potenziamento infrastrutturale necessari per assicurare un futuro di sviluppo. “