Preclearing sul 91% delle navi nel porto di Genova

genova 1

60 rinforzi per lo sdoganamento dagli enti locali

Bilancio confortante per l’attività di pre-cleraing nei porti di Genova e La Spezia. Per lo scalo della Lanterna lo sdoganamento in mare ha ormai superato il 91% delle navi sulle quali è possibile operare. Un risultato che potrà essere migliorato visto l’imminente passaggio all’Agenzia delle Dogane di una sessantina di dipendenti da Regione Liguria, Provincia e Comune di Genova. E’ quanto emerge dal convegno “Risultati dello sdoganamento in mare nei porti liguri” nel corso del quale la comunità portuale ha richiesto l’estensione della procedura a partire dal porto precedente a quello di sbarco sottolineando che “la prospettiva deve essere quella del miglioramento della posizione competitiva della realtà ligure, per la quale i nuovi scenari globali devono costituire non una minaccia, ma un’opportunità di crescita”. Le stesse organizzazioni sindacali, come ha ricordato Giovanni Pastorino (Cgil), indicano la necessità di fare sistema rispetto alla comunità portuale, elemento di ricchezza per la realtà locale.