Porto di Genova, presentati quattro interventi per quasi 280 milioni

genova 1

Il porto di Genova ha presentato gli interventi per il recupero funzionale   di calata Olii minerali e l’ampliamento di calata Bettolo, la riqualificazione della zona portuale da calata Bengasi a calata Inglese, l’ampliamento del terminal contenitori dei moli Ronco e Canepa e le attività di dragaggio dell’area portuale.
Il recupero di calata Olii minerali e l’ampliamento di calata Bettolo sono stati commissionati dall’Autorità portuale genovese e finanziati con 144 milioni 633mila euro provenienti da fondi statali (91 milioni 230 mila euro) e fondi dell’Autorità portuale (53 milioni 403mila euro). I lavori, iniziati a giugno 2009, si concluderanno nel maggio 2017. Il progetto comprende opere marittime, civili e impiantistiche e consente la nascita di un grande terminal per la movimentazione dei container. I lavori, infatti, realizzano una nuova banchina a sud, che chiude lo specchio acqueo compreso tra ponte Rubettino e calata Canzio, utilizzando gli oltre 2 milioni e mezzo di metri cubi di detriti provenienti dai dragaggi portuali, e una serie di banchine nell’area ovest, che formano la nuova darsena tecnica, la banchina sud e il piazzale retrostante. L’ampliamento di Calata Bettolo realizzerà un piazzale di 180 mila metri quadrati e potrà ospitare un volume di traffico pari a 800mila Teu all’anno. Il nuovo accosto del terminal container sarà lungo 760 metri e permetterà l’attracco delle navi portacontainer di ultima generazione, che misurano 330 metri. A lavori conclusi il porto di Genova potrà disporre anche di nuovo specchio acqueo dedicato alla darsena tecnica/polo di bunkeraggio di 22mila metri quadrati.
La riqualificazione della zona portuale da calata Bengasi a calata Inglese è stata commissionata dall’Autorità portuale genovese e finanziata con 21 milioni 785mila euro provenienti da fondi statali (3 milioni 555mila euro) e fondi dell’Autorità portuale (18milioni 230mila euro). I lavori, iniziati a novembre 2011, si concluderanno nel febbraio 2017. Gli interventi riguardano il porto commerciale di Genova Sampierdarena, il porto storico, e consistono principalmente in un complesso di opere per il riassetto e il potenziamento del sistema delle infrastrutture viarie e ferroviarie e nell’incremento degli impianti tecnologici. I lavori sono in ritardo per il rinvenimento di un ordigno bellico nelle aree di calata Tripoli. Da marzo 2014 c’è stata una sospensione parziale dei lavori per procedere alla bonifica bellica prescritta dal Genio Militare. I lavori sono tuttora parzialmente sospesi.
L’ampliamento del terminal contenitori dei moli Ronco e Canepa è stata commissionato dall’Autorità portuale genovese e finanziato con 45 milioni 667mila euro provenienti da fondi statali (27 milioni 800mila euro) e fondi dell’Autorità portuale (17 milioni 866mila euro). I lavori, iniziati a febbraio 2011, si concluderanno nel settembre 2017. Verrà realizzata una nuova banchina allineata a sud con i moli Ronco e Canepa, situati alle estremità di ponente del bacino portuale. La banchina, con il nuovo piazzale retrostante ottenuto dal riempimento dell’attuale specchio acqueo, consentirà di ottenere un accosto di 640 metri e un incremento delle aree a terra fino a circa 63mila 700 metri quadrati. La superficie utile del terminal sarà di 303mila 340 metri quadrati e permetterà di operare con navi portacontainer di maggiori dimensioni, grazie ai fondali antistanti la banchina che, dopo il dragaggio non previsto nel progetto in corso, potranno raggiungere i 15 metri. Il materiale occorrente per una parte del riempimento dietro la nuova banchina sarà ricavato dal dragaggio della foce del torrente Polcevera, confinante a ponente del molo Ronco, facilitando così il deflusso a mare, ora difficoltoso.
I dragaggi dell’area portuale sono stati commissionati e interamente finanziati con 67 milioni 400mila euro dall’Autorità portuale di Genova. I lavori, iniziati a luglio 2009, si concluderanno entro dicembre 2015. Il porto di Genova occupa una superficie di 7 milioni di metri quadrati e si estende per 20 chilometri lungo una fascia costiera, protetta da dighe foranee, da piazzale Kennedy fino a Voltri. Le opere marittime di scavo per lo specchio acqueo servono al mantenimento delle profondità navigabili di darsene e di canali portuali. Le attività di dragaggio e il riutilizzo dei sedimenti per il riempimento di Calata Bettolo sono state autorizzate dalla Regione Liguria e il loro monitoraggio ambientale è affidato all’Università di Genova. I dragaggi comporteranno lo smaltimento di materiale per 3 milioni e mezzo di metri cubi. I fondali verranno portati a quote compatibili alla navigazione di navi mercantili di elevato tonnellaggio e all’attracco delle più moderne navi da crociera. Le aree interessate dai dragaggi sono: il canale di Sampierdarena, l’area del super bacino, calata Sanità, i bacini di carenaggio, il bacino di evoluzione, il Porto Antico, calata Massaua, calata Inglese, calata Giaccone, il Porto petroli, la vasca di decantazione del torrente Polcevera, la zona tra Ponte Ronco ponente e la banchina Italsider di levante, l’imboccatura di ponente del bacino di evoluzione e il canale di calma antistante la banchina Italsider sud.