PEGLI: LA CAPITANERIA DI PORTO SEQUESTRA MANUFATTI NON AUTORIZZATI

foto-pegli-2

Genova, 11 maggio 2018 – Nell’ambito dei regolari controlli che ogni anno la Guardia costiera svolge nel periodo antecedente la stagione estiva, allo scopo di verificare preventivamente la piena regolarità delle strutture asservite alla balneazione e al diporto, così da garantire una fruizione in piena sicurezza delle attività che si normalmente si esercitano a mare e sul litorale, la mattina dell’11 maggio i militari della Capitaneria di porto di Genova sono intervenuti sul lungomare di Pegli rilevando, nell’area di una concessione demaniale marittima con finalità turistico-ricreativa, la presenza di alcuni manufatti in corso d’opera che, a seguito di accurati controlli, si verificava fossero stati avviati – ed in parte già realizzati – in assenza delle necessarie autorizzazioni.

Una struttura in legno di oltre 120 metri quadrati, con annessa sovrastruttura di copertura, ed un locale già allestito per il servizio bar, con circa 25 tavoli e oltre 60 sedie, venivano quindi posti sotto sequestro dai militari della Guardia costiera, per l’assenza dei necessari titoli autorizzativi sia di carattere demaniale che edilizio.

Il concessionario dell’area demaniale marittima veniva, quindi, deferito alla locale Autorità Giudiziaria per innovazioni non autorizzate in una concessione demaniale marittima, ai sensi dell’art. 24 Regolamento al Codice della navigazione, ed inosservanza delle norme previste dal testo unico in materia edilizia (art.31 ss. del D.Lgs. 380/2001).***