Osservatorio Filippo, primo censimento cetacei dell’areale garganico

osservatorio filippo

I mammiferi marini rappresentano biondicatori dello stato di salute del mare

Tempo di bilancio per il progetto pilota di citizen science dell’Osservatorio Filippo sull’attività di censimento della popolazione di cetacei nell’areale garganico dal Golfo di Manfredonia alle Isole Temiti. Attraverso la campagna di informazione e sensibilizzazione che ha coinvolto cittadini e turisti, sfruttando l’immediatezza dei social media e delle tecnologie di nuova generazione, come gli smartphone è stato condotto a termine  il primo tentativo, a costo zero, di studio e campagna scientifica specifica per un’area interessata da una forte affluenza turistica, specie nel diporto. “L’obiettivo è stato quello di porre le basi per una nuova ed innovativa visione di tutela e difesa delle risorse marine, non ancora esistente nel territorio della provincia di Foggia,” sottolinea l’Osservatorio. “In linea con le politiche europee di salvaguardia e conservazione della biodiversità una provincia tanto ricca di risorse e con un potenziale ambientale inestimabile non può tirarsi indietro ed escludere dal proprio territorio attività di censimento e tutela nei confronti dei cetacei. Questi mammiferi marini occupando l’apice della catena trofica rappresentano dei bioindicatori dello stato di salute del mare, fonte primaria di ossigeno e di risorse turistiche e ambientali”.  Grazie ai risultati ottenuti l’Osservatorio Filippo proseguirà la sua attività di monitoraggio con nuovi obiettivi e nuovi progetti per il futuro che presto verranno attivati e calendarizzati.La relazione è a disposizione contattando i responsabili del progetto all’indirizzo di posta elettronica osservatoriofilippo@gmail.com o visitando il sito del Centro Cultura del Mare A.P.S. di Manfredonia (www.centroculturadelmare.org).