OLT: responsabilità, solidarietà e trasparenza, al centro del nostro lavoro

foto-sostenibilita

Livorno, 13 maggio 2020 – OLT Offshore LNG Toscana (società controllata pariteticamente da Snam e First State Investments) ha pubblicato sul proprio sito internet il “Rapporto Integrato Sicurezza, Ambiente, Territorio”, relativamente all’anno 2019. Quest’ultima edizione rappresenta un’evoluzione del percorso avviato nel 2016; un ulteriore passo in avanti verso l’attività di rendicontazione che corrisponde ai punti fermi della missione e della visione societaria improntate su: responsabilità, solidarietà e trasparenza.

Nel corso del 2019, OLT ha sistematizzato un lavoro di ascolto di una rappresentanza di interlocutori, interni ed esterni all’azienda – attività già avviata da OLT fin dal suo arrivo sul territorio – per avere un riscontro puntuale rispetto alla significatività che ricoprono le tre dimensioni fondamentali del Rapporto: Economico, Ambientale e Sociale. Si tratta di un lavoro propedeutico alla realizzazione del primo Bilancio di Sostenibilità della Società.

“Il Rapporto – ha evidenziato Monica Giannetti, HSEQ Manager – è stato redatto secondo gli Standards GRI (approccio “referenced”) e tiene inoltre conto, attraverso specifici riferimenti, di quanto previsto dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, con i relativi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs – Sustainable Development Goals), articolati, a loro volta, in 169 specifici Target”.

Nel triennio analizzato (2017-2019), il Terminale ha massimizzato il suo impiego operativo arrivando, nell’Anno Termico 2019/2020, al 100% della capacità. Un crescendo nell’utilizzo dell’impianto che ha mantenuto gli alti standard di performance ambientali e di sicurezza prefissati – come si evince dai dati riportati nel Rapporto.

In particolare, OLT investe costantemente sul miglioramento della sicurezza: a tal proposito, si segnala il raggiungimento dell’obiettivo “Zero Infortuni” e “Zero Incidenti” per l’anno 2019.

Inoltre, la Società attribuisce una grande importanza al monitoraggio delle performance ambientali, per definire le opportune azioni di miglioramento. A tal proposito, si evidenzia la diminuzione del consumo del gasolio marino (-42,7% nel 2019 rispetto al 2017) e della produzione di rifiuti (-48.3% nel 2019 rispetto al 2017), nonché il miglioramento delle performance emissive di aria ed acqua.

Infine, ma non meno importante, i risultati del Piano di monitoraggio dell’ambiente marino circostante il rigassificatore “FSRU Toscana” hanno evidenziato che l’attività del Terminale non ha prodotto nessun effetto significativo sulla biodiversità marina.

Nell’anno appena trascorso, inoltre, OLT ha strutturato e presentato “l’Energia del Mare – fare con e per il Territorio”, un progetto articolato di Responsabilità Sociale d’Impresa per lavorare in modo condiviso alla realizzazione di iniziative socioeconomiche a favore della Comunità.

“Grazie alle eccellenti performance operative del 2019 – ha commentato Giovanni Giorgi, amministratore delegato di OLT – che hanno confermato il ruolo del Terminale nel panorama nazionale ed europeo, guardiamo al futuro con ottimismo, seppure in questo momento di grande difficoltà per l’intera comunità internazionale. Grazie alla professionalità delle risorse, OLT ha raggiunto importanti risultati, non solo per la Società ma anche per il Sistema Gas del Paese, tenuto conto del contributo di “FSRU Toscana” alla sicurezza e alla diversificazione degli approvvigionamenti e per la transizione energetica che ci attende. Il Rapporto Integrato 2019 testimonia la piena consapevolezza della strategicità del nostro Terminale che ci ha permesso di sviluppare quella sensibilità necessaria a orientare le nostre azioni alla Sostenibilità, nel rispetto del Territorio e della Comunità che ci hanno accolto”.

Come rendicontato nel Rapporto Integrato 2019, OLT ha lavorato in questi anni per consolidare una rigorosa politica societaria, orientata alla sicurezza e alla sostenibilità – ha dichiarato Maurizio Zangrandi, amministratore delegato di OLT. Questa tipologia di approccio, orientata alla governance responsabile, si ritrova in tutte le azioni portate avanti da OLT, anche in momenti di emergenza nazionale come quelli che stiamo vivendo. Il dilagare della pandemia ha posto la Società di fronte a nuove sfide: dapprima, garantire la sicurezza di tutti i lavoratori, tutelando l’operatività del Terminale, poi, supportare la Comunità, offrendo un contributo al sistema sanitario locale ed alle associazioni no-profit. Questo grazie al lavoro e alla professionalità dei dipendenti e degli interlocutori di riferimento”.